MINI ESCAPES: Tre Grandi Escape Room In Un Minuscolo Formato! (Recensione No Spoiler)

Ormai il panorama ludico (per fortuna) è stato invaso dalle escape room, ciascuna con la sua particolarità e difficoltà. Ce ne sono davvero per tutti i gusti! Da poco, Gateongames  ha pubblicato non una, non due ma bensì 3 escape room in un formato davvero tascabile! Continua il sodalizio tra Christian Giove e Stefano Tartatotti che ci regala un’esperienza davvero intrigante! Scoprile con noi!

PANORAMICA GENERALE

Ormai il panorama ludico (per fortuna) è stato invaso dalle escape room.

Dei giochi che come perno hanno una serie di enigmi da risolvere nel minor tempo possibile con diverse ambientazioni…e ce ne sono davvero tante! Ciascuna con la sua particolarità e difficoltà.

Da poco, Gateongames  ha pubblicato non una, non due ma bensì 3 escape room in un formato davvero tascabile!

Ideate da Christian Giove ed illustrate da Stefano Tartarotti, Mini Escapes è un gioco per 1-6 giocatori e dalla durata di circa 60 minuti a partita. Nella confezione infatti sono contenute 3 escape room con una trama che le collega ed inoltre troverete una Demo (dalla durata di 20/30 minuti) che funge sia da tutorial che da Introduzione alla storia.

Nei panni di Emily esploreremo templi alla ricerca del culto perduto. Saremo all’altezza?

 

MATERIALI

Nella scatolina piccola piccola troviamo:

  • 3 escape room diverse (Atto 1, 2 e 3)
  • 1 escape room Demo ( tutorial/Introduzione)

I materiali sono davvero tutti qui. Quello che rende il tutto così portatile è la conformazione di queste escape. Infatti sono state sviluppate su un foglio ripiegato in diversi modi su sé stesso. Man mano che avanzeremo nell’avventura dovremo dispiegarlo per poterci addentrare nel tempio.

Le illustrazioni sono meravigliose, dopotutto Tartarotti è una garanzia.

Per giocare inoltre sarà necessario un dispositivo connesso ad internet come vedremo tra poco.

 

PREPARAZIONE

Il set up è fulmineo. Prendete il plico dell’escape che volete giocare, prendete carta e penna e tutto è pronto per iniziare a giocare!

 

REGOLAMENTO

La prima cosa da fare è leggere la parte dietro del plico. Lì troveremo narrato l’inizio dell’atto in corso per poterci calare al meglio nell’ambientazione.

Per iniziare a giocare poi si dovrà scansionare il codice QR che ci porterà al sito che fungerà da supporto durante tutta l’avventura.

Sul dispositivo, continueremo a leggere il prosieguo della storia, ci dirà come dispiegare il plico e ci darà la possibilità di inserire i codici trovati per verificarne la correttezza.

I codici potranno essere formati da numeri e/o cifre  e sono di diverse lunghezze.

Inoltre in questo modo potremo chiedere diversi suggerimenti per avere un aiuto nel risolvere i diversi enigmi e nel caso chiedere proprio la soluzione.

Non ci sarà un timer a mettervi ansia in questa escape room. Prendetevi il vostro tempo e godetevi l’avventura.

 

In Mini Escapes, vestiremo i panni di Emily Mound, un’esploratrice ed avventuriera che è sulle tracce di un misterioso culto precolombiano che ruotava attorno alla scienza e al progresso tecnologico.

Tutte le piste e gli indizi portano ad un certo Cristobal de Mendoza, un conquistadores che entrò in contatto con il culto e decise di convertirsi ad esso.

Recupereremo vari oggetti e reliquie nel corso della storia che ci porterà (forse) all’epilogo e alla scoperta di questo mistero.

 

Gli Enigmi

La particolarità e uno dei punti di forza di questa escape room sono gli enigmi. Tutti sono estremamente integrati con la storia, tanto da trovare degli indizi per la loro risoluzione anche nella parte narrativa stessa del racconto. Racconto che è scritto in prima persona, leggeremo infatti i pensieri e i ragionamenti di Emily e la stessa cosa vale per quando chiederemo gli aiuti, in modo da non uscire mai dall’avventura e dall’esperienza di gioco.

Infatti l’immersività è molto alta  anche perchè il gioco non ti obbligherà mai ad uscirne per risolvere qualche enigma. Tutto è risolvibile grazie alle cose che si vedranno nell’immagine e che proprio in quel momento Emily sta vedendo.

L’inizio dell’avventura demo

Inoltre gli enigmi non risultano mai forzati. ad esempio non sarà mai l’ombra proiettata delle sbarre a farci uscire di cella visto che chi l’ha costruita non ha nessunissimo interesse a farci scappare ed effettivamente non avrebbe senso.

Verranno messe in campo diverse abilità, tra cui quelle logico matematiche a quelle spaziali.

Durante le varie partite, inoltre, i materiali di gioco non verranno mai manipolati o rotti, in modo da preservarne l’integrità anche a fine avventura.

 

CONSIDERAZIONI FINALI

Avevo aspettative molto alte per questo trittico di escape e fortunatamente non sono state affatto tradite.

Il loro formato le rendono assolutamente portabili e giocabili ovunque, stiamo parlando infatti una scatolina alta poco più di 15 cm, larga 11 e spessa solo 1 centimetro.

Tornando alle illustrazioni sono davvero belle ma non solo, ovviamente sono anche funzionali al gioco stesso ma non sono state caricate di troppi dettagli inutili solo per confondere chi sta giocando.

Come gli enigmi poi sono inseriti nel gioco, sono davvero un valore aggiunto, aumenta la credibilità e l’immersività dell’esperienza di gioco. Saremo sempre assieme ad Emily e alle sue scoperte. Ho apprezzato come i suggerimenti siano posti come se stessimo ascoltando i ragionamenti della protagonista.

Un altro punto di forza è sicuramente il prezzo. 3 escape room complete con tanto di demo/tutorial a meno di 10 euro è un prezzo davvero super competitivo.

anche la trama è interessante, classica ma interessante e anche grazie agli enigmi non sembra essere un mero pretesto per fare una nuova escape room, ma la accompagna proprio e la sostiene.

Dopotutto Christian è una fucina di idee e tutte geniali e ben sviluppate.

Durante tutta l’avventura, che ha una difficoltà media (medio-alta nell’ultimo atto) gli enigmi sono risolvibili senza troppi giri o ragionamenti astrusi. Anche le soluzioni una volta richieste non si limitano a darti la risposta ma ti spiegano anche come doveva essere risolto.

Durante il secondo atto infatti, abbiamo risolto un enigma per via traverse… con un po’ di fortuna ma avevamo capito che non poteva essere quello il metodo di risoluzione e infatti la soluzione ci ha poi spiegato come doveva essere effettivamente risolto.

Gli enigmi, come detto in precedenza, mettono in campo diverse abilità anche se ” l’ago della bilancia” propende LEGGERMENTE per gli enigmi logico matematici ma non è assolutamente un punto a sfavore per il mio gusto personale.

Non fatevi ingannare dalla demo, è un tutorial ma ha comunque la sua durata e la sua difficoltà. Anzi alcuni del mio gruppo hanno trovato più facile il primo atto rispetto alla demo stessa!

Concludendo, questo trittico mi ha davvero sorpreso ed appassionato e sono davvero curioso e ansioso di provarne altre di questa linea!

Davvero belle!

Il fronte dell’avventura demo

Puoi trovare il gioco sul nostro store online di fiducia Magicmerchant.it

Se volete avere più informazioni e nel caso acquistare la vostra copia del gioco (e nel frattempo sostenerci senza spendere niente di più), CLICCATE QUI!

Acquista i giochi da tavolo nel nostro store online di fiducia Magicmechant.it o dai uno sguardo alle offerte sui giochi da tavolo di Amazon.it
Continua a Seguirci anche su Facebook, Instagram e Youtube

immagine-profilo

Stefano Stievano

Mi sono avvicinato a questo mondo fin da piccolo ma solo da qualche anno ho deciso di accostarmi in maniera diversa ai giochi da tavolo. Dopo aver creato qualche prototipo, inventato cene con delitto, costretto i miei amici a fare da cavie tra giochi, quiz tv e quant'altro ho deciso da un po' di tempo di unire la passione per la scrittura e quella dei giochi da tavolo. Mi piace raccontare me stesso attraverso loro, le mie esperienze, i miei amici, la mia vita e la mia quotidianità. I miei giochi preferiti sono quelli tematici o deduttivi, meglio se con un pizzico di bluff e con ruoli segreti... ma difficile scegliere una categoria.... Spero un giorno di riuscire a coinvolgere il maggior numero di persone possibile dentro al nostro folle e divertente mondo. Buon viaggio!

I commenti sono chiusi.