Fiabe di Stoffa: Gli incubi non sono mai stati così belli

Un gioco per adulti, bambini e chiunque abbia voglia di sognare

Quello che colpisce subito di Fiabe di Stoffa, gioco da tavolo cooperativo edito in Italia da Asmodee, è il comparto grafico ed artistico, che rimanda subito ad un’atmosfera sognante e fiabesca. L’importante però è non farsi trarre in inganno: il gioco non è assolutamente dedicato solo ai più piccoli, anzi, le regole e le meccaniche sono molto profonde e necessitano sicuramente dell’aiuto di un adulto per essere comprese da un bambino.

La particolarità più grande di Fiabe di Stoffa risiede nella struttura del gioco stesso, che non richiederà di aprire un ingombrante tabellone di gioco dove posizionare le proprie miniature; bensì tutte le mappe sono disegnate su un meraviglioso libro plastificato, il cosiddetto sistema “Adventure Book”, che verrà sfruttato anche da vari altri giochi in futuro. Di cosa si tratta? Semplice, per iniziare la vostra avventura vi basterà aprire il libro, leggere il racconto scritto su di esso e posizionare le miniature degli eroi sulla mappa di gioco disegnata, che sarà differente ad ogni pagina, rendendo l’avventura molto varia e mai ripetitiva.

Passiamo alla trama, sicuramente l’aspetto più infantile (non in senso negativo) del gioco. Noi prenderemo il controllo degli “stoffini”, ovvero i pupazzi di una bambina che sta affrontando un periodo specifico della sua crescita: il passaggio dalla culla al letto da “bimba grande”, come viene definito nel racconto. Ecco, il nostro compito sarà quello di difendere la bambina da tutti gli incubi e le creature mostruose che si annidano nell’oscurità durante la notte. D’altronde, chi non ha mai avuto paura del mostro sotto il letto?

Come scritto in apertura, dietro ad una storia apparentemente molto semplice (ma che diventerà anche piuttosto intricata procedendo con l’avventura) si nasconde un sistema di gioco profondo ed elaborato. Ogni stoffino è infatti caratterizzato da alcune abilità speciali, da delle carte equipaggiamento e da dei punti vita, qua rappresentati dai “segnalini stoffa”, ad indicare il materiale con cui sono riempiti i pupazzi.

Durante la partita il giocatore di turno dovrà prendere un sacchetto ripieno di numerosi dadi colorati ed estrarne solo cinque da esso: in base al colore dei dadi raccolti egli potrà svolgere azioni differenti. Ad esempio i dadi bianchi vi permetteranno di recuperare vita, i dadi neri saranno invece negativi e rischieranno di far attivare i nemici, i dadi rossi servono per attaccare in corpo a corpo, e così via.

Questo sistema di gioco, interamente incentrato sui dadi, fa sì che la fortuna (intesa come “casualità”) faccia da padrona durante la partita, fattore ritenuto positivo da chi vi scrive ma che potrebbe essere considerato negativo da altri.

Ma quindi nel gioco si tirano solo i dadi? Assolutamente no, l’intera struttura si sviluppa attorno alla componente narrativa e ci sarà davvero molto da leggere durante la partita. Non solo, il tutto è arricchito da vari componenti aggiuntivi, come carte incontro (che vi metteranno di fronte a varie scelte durante l’avventura), carte status ed oggetti con gli effetti più disparati.

Inoltre dovremo stare ben attenti a non far svegliare la bambina, cosa che può succedere se i nostri personaggi vengono sconfitti troppe volte e che ci porterà ad un finale “negativo”. Esatto, perché in molti casi l’intera storia potrà cambiare leggermente in base alle vostre scelte e a cosa deciderete di fare, proprio come se in una fiaba aveste la possibilità di decidere che strada intraprendere. La trama si svolge nel corso di sette capitoli, ciascuno della durata di circa due ore, longevità più che sufficiente per la tipologia di gioco.

Viste le meccaniche non banali, la soluzione migliore è quella di far imparare le regole ad un bambino con l’aiuto di un genitore, che può leggere le parti di fiaba e dirgli cosa può fare ad ogni suo turno. Tuttavia, come dicevamo, l’intera avventura è assolutamente adatta anche ad un gruppo di soli adulti, a patto che abbiano l’elasticità mentale di accettare un racconto a tratti molto semplice ed infantile per perdersi all’interno di un sogno.

Insomma, l’unico modo per comprendere ed apprezzare tutte le particolarità di Fiabe di Stoffa è giocarlo, leggerlo e viverlo. Promosso a pieni voti.

[amazon_link asins=’B081ZCZSN6′ template=’ProductAd’ store=’houseofgamesi-21′ marketplace=’IT’ link_id=’3d736127-6bc0-4ac7-b17a-928886ffdd7d’]

Il gioco potete trovarlo nel nostro store online di fiducia Magicmerchant.it

Commenti


immagine-profilo

Al4oPiù

"Al4oPiù è un canale di YouTube che nasce dalla storica passione per i giochi da tavolo condivisa da un piccolo gruppo di amici. L’intento dei nostri video è quello di aiutare ogni giocatore, neofita o meno, ad approcciarsi ad un nuovo gioco grazie a Tutorial, cioè video dettagliati sulle regole, e Gameplay, vere e proprie partite registrate dall’inizio alla fine. Il regolamento è la parte più difficile di ogni gioco, quindi fa sempre comodo un po’ di aiuto, no?"

I commenti sono chiusi.