Unsanctioned di Magic the Gathering – La Recensione

Salite sul ring di Unsanctioned, la follia degli Un-set di Magic the Gathering è tornata!

Dopo due anni di assenza tornano le dissennate carte degli Un-set di Magic the Gathering. Per chi non lo ricordasse: gli Un-set sono espansioni composte da carte dal tono comico e scherzoso. Le carte di questi set possiedono un bordo argentato, un colore destinato alle carte non legali nei tornei ufficiali. Unsanctioned è un prodotto particolare perfino per gli stessi Un-set! Disponibile dal 29 febbraio 2020, data perfettamente in tema con lo spirito del prodotto, Unsanctioned è un box set che contiene 5 mini-mazzi da 30 carte ciascuno. Nel set sono presenti 96 carte (80 sono ristampe provenienti dagli scorsi Un-set, 16 sono carte inedite). Questi mini-deck sono stati concepiti con lo scopo di essere combinati tra di loro: basta unire due mazzi per poter giocare immediatamente. Molte delle carte proposte, comprese quelle inedite, sono state scelte con lo scopo di esser giocate in Commander e in Cube. Di fatti, dopo l’esperimento dell’introduzione in Commander di Unstable, non si esclude che presto anche le carte degli Un-set potranno trovare un loro spazio formati competitivi (magari in uno tutto loro). Una menzione va fatta anche per l’ambientazione, che richiama le atmosfere del wrestling e della lotta libera. Purtroppo, non tutte le carte mantengano fede a questa ambientazione (specialmente le ristampe).

Disponibile solo in lingua inglese, nel box di Unsanctioned sono presenti:

  • 5 mazzi da 30 carte ciascuno;
  • 10 terre base full-art (5 regolari, 5 premium);
  • 10 pedine a doppia faccia;
  • 2 dadi a sei facce;
  • 1 scatola per conservare le carte.

Sul piano delle regole vediamo il ritorno del lancio di dadi e delle abilità: Augment, Host e Wordy. Tra le novità vediamo:

  • Knightlifelink (Legame Vitale dei Cavalieri): è una variante di Legame Vitale, destinata al tribal cavalieri. Una regola così potrebbe benissimo esser riproposta in un set competitivo, magari in un’espansione dedicata agli archetipi Tribal (simili ad Assalto o Lorwyn);
  • Acorn Counter (Segnalini Ghianda): si tratta di una nuova tipologia di segnalini, simili ai Segnalini Energia proposti nel Blocco Kaladesh. Hanno il simbolo di una ghianda, vengono spesi per attivare abilità. Torneranno molto utili nel gioco, spero che vengano riproposti nei futuri Un-set;
  • Mutate (Mutare): Surgeon ~General~ Commander cita questa abilità, tuttavia è ancora inedita. Con molta probabilità la vedremo sviluppata nei prossimi Un-set;
  • Vengono introdotti nuovi tipi di creatura: Arte, Camaleonte, Dado e Nipote. Il tipo Pollo sparisce definitivamente, tutte le creature con questo tipo adesso sono di tipo Uccello.

Diamo un’occhiata veloce ai mini-deck dell’offerta. Non vi nego che mi è un po’ difficile recensire questi mini-mazzi. Non tanto per le tematiche bizzarre, ma per la loro composizione. I deck possiedono varie tematiche di gioco, ma sono efficaci solo se unite con gli altri deck. È una scelta atipica, ma se avrà successo tornerà sicuramente in futuro! Iniziamo:

White Deck

12 Pianura

1 Underdrone

1 Flavor Judge

1 Frankie Peanuts

1 Syr Cadian, Knight Owl

1 Adorable|Kitten

1 Humming-

1 Knight of the Hokey Pokey

1 Old Guard

1 Ordinary|Pony

1 Paper Tiger

1 Strutting|Turkey

1 Emcee

1 AWOL

1 Look at Me, I’m the DCI

1 Look at Me, I’m R&D

1 Staying Power

1 GO TO JAIL

1 Sword of Dungeons & Dragons

Il mini-deck bianco sfrutta diverse tattiche. Principalmente ci sono creature tipiche degli archetipici Weenie, come: Adorable Kitten, Knight of the Hokey Pokey, Ordinary Pony e Old Guard. La creatura che mi mette dei dubbi è Syr Cadian, Knight Owl: non fraintendetemi, è una creatura abbastanza potente per l’archetipo cavalieri. Come leggendaria per un ipotetico deck Commander fa la sua scena, il problema è che nell’offerta i cavalieri sono solo due (uno di questo è proprio questa creatura leggendaria!). Purtroppo, nell’offerta non può dare il meglio di sé. Le altre creature sono “tipiche” da opposizione in stile Death and Taxes, come: Frankie Peanuts (che impone agli avversari di dire sempre la verità) e il nuovo Flavor Judge. Quest’ultimo neutralizza le magie o l’abilità che bersagliano i nostri permanenti, ma solo se una persona esterna troverà sensata l’intera azione. È una carta folle, che fa ironia sugli arbitri del wrestling e della lotta libera. Trovatevi un complice ed è fatta! Anche le meccaniche Augment e Host sono ben rappresentate, tra queste è presente il nuovo Strutting Turkey che permette di reanimare o combinare creaturine Weenie. Per il resto delle magie sono presenti i migliori removal di tutti gli Un-set (GO TO JAIL, AWOL, Look at Me, I’m the DCI e Look at Me, I’m R&D) e il potentissimo Staying Power (che cancella la parola “fino alla fine del turno” su tutte le carte). A chiudere l’opera c’è Sword of Dungeons & Dragons, ottimo equipaggiamento che potenzia e interagisce con i dadi. Questo mini-deck dona un supporto mica male, vale la pena di provarlo. Del resto, sono presenti le magie le più potenti magie degli Un-set.

Blue Deck

12 Isola

1 Underdome

1 Alexander Clamilton

1 Avatar of Me

1 Chicken a la King

1 Johnny, Combo Player

1 Richard Garfield, Ph.D.

1 Carnivorous Death-Parrot

1 Cheatyface

1 Mer|Man

1 Rock Lobster

1 Wall of Fortune

1 Time Out

1 Common Courtesy

1 Magic Word

1 Rings a Bell

1 Topsy Turvy

1 Water Gun Balloon Game

1 B.O.B. (Bevy of Beebles)

Il mini-deck blu è principalmente un Control. Attacca gli avversari con qualche creatura evasiva, la migliore è la scaltra Cheatyface, e controlla gli avversari sfruttando le meccaniche Wordy e del lancio di dadi. Per le carte Wordy abbiamo il nuovo incantesimo Rings a Bell (incantesimo fastidioso che costringe gli avversari a simulare il suono di campanelli, altrimenti ci permette di pescare una carta), lo pseudo-removal Magic Word e Alexander Clamilton (che oltre a Profetizzare con le carte prolisse, diventa un buon removal per gli archetipi Izzet. È davvero molto buono, inoltre cita il padre fondatore Alexander Hamilton e vede il ritorno delle creature Vongolame). Per le meccaniche dei dadi vediamo il ritorno di: Chicken à la King, Time Out e Wall of Fortune. Il resto delle carte è formato da un’ondata di utilità: Richard Garfield, Ph.D. (l’ideatore del gioco è stato raffigurato in una carta perfetta), Johnny, Combo Player (perfetta per tutorare senza limiti, l’illustrazione è stata aggiornata con le carte elencate nel testo di colore), Avatar of Me, Common Courtesy (l’unico counter dell’offerta, ma è molto buono per bloccare l’avversario), Topsy Turvy (declassata a non comune) e Water Gun Balloon Game. Infine, abbiamo un nuovo planeswalker! Si tratta di B.O.B. (Bevy of Beebles): un planeswalker che interagisce con le creature Bibolo. Non è niente di particolare, ma ha una sua versatilità. Se volete giocare con carte da controllo anche negli Un-set, questo mini-mazzo fa per voi!

Black Deck

12 Palude

1 Underdome

1 Acornelia, Fashionable Filcher

1 Infernal Spawn of Evil

1 Infernal Spawn of Infernal Spawn of Evil

1 Infernius Spawnington III, Esq.

1 Bat-

1 Dirty|Rat

1 Hoisted Hireling

1 Inhumaniac

1 Jumbo Imp

1 Poultrygeist

1 Skull Saucer

1 Snickering Squirrel

1 Stinging|Scorpion

1 Booster Tutor

1 Duh

1 Enter Enter the Dungeon

1 Jack-in-the-Mox

Il mini-deck nero sfrutta principalmente tre meccaniche. Ci sono carte “tipiche” da Mono Black Control, un esempio sono: la stupenda “Triade degli Infernal Spawn” disegnata da Ron Spencer (Infernal Spawn of Evil, Infernal Spawn of Infernal Spawn of Evil e il nuovissimo Infernius Spawnington III, Esq.). Nel deck sono presenti molte carte che interagiscono con le meccaniche del lancio di dadi, un esempio sono: Inhumaniac, Jumbo Imp, Snickering Squirrel, Poultrygeist e Jack-in-the-Mox (un cult degli Un-set, essenziale per poter giocare la triade degli Spawn). E poi viene introdotto il nuovo archetipo Acorn Counter con Acornelia, Fashionable Filcher: quando giochiamo una carta con uno scoiattolo nell’illustrazione, aggiungiamo un Segnalino Ghianda. Acornelia sfrutta i segnalini potenziare o rimuovere le creature, è molto buona per controllare in campo. Nell’offerta non dà il meglio di sé, ma negli archetipi è obbligatoria. Stupenda, spero che in futuro questa meccanica verrà ampliata. Il resto del deck è composto da: removal (Skull Saucer e Duh) e tutori (Enter the Dungeon e Booster Tutor). Infine, l’ultima carta inedita è un Augment chiamata Bat-: è abbastanza veloce, tornerà utile per dare un controllo negli Aggro. Anche il colore nero dona un bel supporto alle tattiche, ma lo fa pesantemente con creaturoni e removal. (Forse) è tra i migliori dell’offerta!

Red Deck

12 Montagna

1 Underdome

1 Boomstacker

1 Infinity Elemental

1 Stet, Draconic Proofreader

1 Abstract Iguanart

1 Common|Iguana

1 Goblin Haberdasher

1 Goblin S.W.A.T. Team

1 Painiac

1 Scissors Lizard

1 Six-y Beast

1 Blast from the Past

1 Goblin Tutor

1 Super-Duper Death Ray

1 Strategy, Schmategy

1 Yet Another Aether Vortex

1 Pointy Finger of Doom

1 Krark’s Other Thumb

Il mini-deck rosso è forse il più classico di tutti. Principalmente si divide in meccaniche Wordy e di lancio dei dadi. Per l’archetipo Wordy abbiamo carte interessanti come l’inedite: Abstract Iguanart (che si potenzia giocando carte disegnate da artisti con iniziale del nome diverso) e la leggendaria Stet, Draconic Proofreader (una bomba per controllare negli archetipi Wordy, con molte carte bianche di Unhinged può fare belle combo!). Le carte che interagiscono con i dadi abbondano! Abbiamo: Painiac, Boomstacker (carta inedita che richiede destrezza di gioco per non farlo morire), Strategy, Schmategy (un classico degli Un-set per creare il caos), Goblin Tutor (il tutore più casuale di sempre) e Krark’s Other Thumb (essenziale negli archetipi con i dadi). Infine, non mancano: removal (il classico Blast from the Past e il dirompente Super-Duper Death Ray) e utilità (Yet Another Aether Vortex e Pointy Finger of Doom). Infine, per dare potenza al deck è stato inserito l’infinito Infinity Elemental. Mi sarei aspettato qualcosina in più per il rosso: tipo un bilanciamento nelle carte Wordy, che sono in minoranza rispetto a quelle che interagiscono con i dadi. Inserire una terza tattica non avrebbe guastato, ma comunque sono state inserite carte molto potenti. Nel complesso, si salva in calcio d’angolo! È un deck godibile.

Green Deck

12 Foresta

1 Underdome

1 B-I-N-G-O

1 Old Fogey

1 Pippa, Duchess of Dice

1 Surgeon ~General~ Commander

1 Timmy, Power Gamer

1 Elvish Impersonators

1 Free-Range Chicken

1 Half-Squirrel, Half-

1 Mother|Kangaroo

1 Slaying Mantis

1 Spirit of the Season

1 Wild|Crocodile

1 Who // What // When // Where // Why

1 Growth Spurt

1 Squirrel Farm

1 Bronze Calendar

1 Entirely Normal Armchair

Concludiamo con il mini-mazzo verde: è di certo il più versatile dei cinque, che mantiene fede allo spirito dell’offerta. Sono presenti molte creature aggressive (B-I-N-G-O, Old Fogey, Slaying Mantis e la nuova Spirit of the Season che si potenzia in base alla stagione), tra queste sono presenti creature Augment e Host (Half-Squirrel, Half-, Mother Kangaroo e Wild Crocodile). Anche questo mini-mazzo ha carte che interagiscono con i dadi. Abbiamo: Elvish Impersonators, Free-Range Chicken, Growth Spurt e Pippa, Duchess of Dice (nuova creatura leggendaria ispirata alla Regina di Cuori de “Le Avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie“, rende i dadi delle creature pedina. Torna molto utile nell’archetipo Simic). Inoltre, questo mini-deck si avvicina maggiormente all’idea di Commander. Non solo per la presenza della polivalente Who // What // When // Where // Why, ma anche per l’inedita creatura leggendaria Surgeon ~General~ Commander: che è perfetto per fare il Comandante nei deck pentacolore di Commander, inoltre permette di pescare negli Augment, negli Auras e nei Mutate (che ancora non si capisce a cosa si riferisca). Tornerà molto utile! Il resto delle carte è composto da utilità di ogni genere: Squirrel Farm (per continuare spedinare con gli scoiattoli, torna utile con le meccaniche di Acornelia, Fashionable Filcher), Bronze Calendar, Entirely Normal Armchair e Timmy, Power Gamer (un cult di Unglued per giocare bestioni, che torna con una nuovissima illustrazione). Anche questo deck mi convince molto, sicuramente è il mazzo più completo e il più versatile. Molto potente!

NOTA: tutti i mazzi possiedono una copia di Underdome, una terra speciale che permette di lanciare facilmente le terre con i bordi argentati. È perfetta nel formato!

Quando di tratta degli Un-set, la Wizards of the Coast dà il meglio di sé! Unsanctioned mostra un perfetto equilibrio di gioco, che riassume la storia degli Un-set e propone nuove meccaniche. I singoli di mazzi si amalgamano perfettamente tra di loro, generando ottime interazioni. Certo, alcune meccaniche si potevano sviluppare meglio, ma come nuovo esperimento funziona benissimo! È palese che la Wizards stia architettando qualcosa di più “serio e sostanzioso” per gli Un-set, non credo proprio che questo box sia uscito per il gusto di fare semplice ironia su Magic. Sono convinto che la Wizards stia progettando un piano per sfruttare concretamente queste carte in competitivo, forse inserendole in un formato dedicato esclusivamente agli Un-set. Sono tutte mere teorie, ma personalmente ci spero molto!

Unsanctioned è una gioia per i collezionisti, perché possono recuperare carte storiche e carte inedite mica male. Gli amanti delle carte di lusso, invece, troveranno ondate di terre stupende: sia le classiche Full Art che fanno la loro classica sublime figura, sia per le semplici terre base che hanno illustrazioni davvero molto belle. Allo stesso tempo può essere comprato anche da chi vuole semplicemente giocare! Il box è concepito come se fosse un normale gioco da tavolo, dove si prendono i mazzi del box e si giocano senza aggiungere carte esterne (come se fosse un living card game). Personalmente, credo che Unsanctioned abbia vinto su più fronti: vi consiglio vivamente di recuperarlo. Visto il contenuto dell’offerta, anche il prezzo è abbastanza abbordabile. Su Ebay è possibile comprarlo a 55€, ma vi assicuro che molti negozi di giochi lo vendono anche a 45€.

Siamo arrivati alla conclusione di questo lungo articolo, divertitevi con la follia di Unsanctioned… Buon gioco a tutti!

Unsanctioned di Magic the Gathering

0.00
8

Voto Finale

8.0/10

Pros

  • Lo spirito degli Un-set è rappresentato alla grande, mantenendo fede allo spirito di queste espansioni comiche;
  • Possibilità di recuperare carte ambite dai collezionisti di Magic; Le Terre Base Full Art sono sempre gradite;
  • L'esperienza di gioco è immediata, come quella di un gioco da tavolo classico. Anche i giocatori non amanti di Magic possono trovare interessante l'esperienza di gioco proposta;
  • Questo box potrebbe essere l'introduzione ad un progetto di gioco molto più ampio. Se sarà così, questo box guadagnerà maggior valore in futuro.
  • Le meccaniche proposte sono molto interessanti, verranno sicuramente riproposte nei futuri Un-Set.

Cons

  • Ambientazione vincente, ma poco rappresentata nelle carte di gioco;
  • Alcune meccaniche, specialmente le nuove proposte, potevano esser sviluppate meglio;
  • I giocatori troppo legati al competitivo troveranno l'edizione poco attraente.
SEGUICI anche su Facebook e Instagram

immagine-profilo

Marco Grande Arbitro

Fondatore e caporedattore del blog nerd/geek/pop GiocoMagazzino. Blogger (da 12 anni), podcaster e youtuber. Sono un appassionato di giochi da tavolo, in particolare prediligo i giochi di carte. Una passione iniziata, e che continua, con Magic the Gathering! Per il resto, sono laureato in Scienze dell'Educazione (educatore professionale). Sono un collezionista di Funko Pop, adoro il cinema e la buona musica.

Una replica a “Unsanctioned di Magic the Gathering – La Recensione”

  1. […] la serie: “Ah! Questo non è un Unset…”. Ieri è stato il 1° aprile, come da tradizione, la Wizard’s of the Coast ha rilasciato il […]