UN GIORNO DA CANA: Il Fumetto-Gioco che fa la differenza [No Spoiler]

Quando dire “Che vita da cani” non è esattamente quello che si pensa. Lucy infatti, vi farà cambiare idea su questo detto!

Quando pensiamo alla famosa frase “Che vita da cani” ci riferiamo ad una vita fatta di complessità e miseria. Lucy invece, la nostra Cana protagonista,
potrà sicuramente farvi cambiare idea su questo famoso detto. Perchè? Perchè dopo aver provato a leggere anche una sola avventura vissuta da Lucy in questo fumetto,
sarete sicuramente più inclini ad invidiarla piuttosto che a sminuire la vita di un cane.

PANORAMICA

Autori: Stefano Tartarotti e Christian Giove
Illustrazioni: Stefano Tartarotti (nonchè reale proprietario di Lucy)

Edito da: MS Edizioni

E COM’È?

Ultimamente da almeno un anno a questa parte, (anche un po’ di più) stanno ri-prendendo molto piede i Librigame. Vuoi che la quarantena del 2020 ci ha messo veramente alle strette nel dover trovare soluzioni alternative al poter giocare da soli, per chi non ha avuto e non ha ancora la possibilità di tornare a giocare con il gruppo di sempre.
Vuoi che comunque giocare in solitario dopo una certa può essere anche pesante, allora cosa c’è di meglio di un buon librogame che possa sia intrattenere e sia rilassarci anche distesi sul divano o sul letto la sera prima di addormentarci?

Ma questo non è un librogame… è un FUMETTO-GAME o meglio iniziamo ad usare termini italiani dato che si sta parlando di un prodotto totalmente italiano: Fumetto-Gioco.

Un progetto ambizioso quello di Christian Giove nel voler “rivoluzionare” il mercato dei librigame e devo dire, che ci è riuscito alla grande.
Sono sempre stato un grande appassionato di Graphic Novel e fondere queste due passioni tra Graphic Novel e Giochi penso sia un clamoroso Bingo!

Iniziamo però ad entrare nel vivo della storia, ovviamente questa recensione è totalmente SPOILER FREE .

Lucy, una giovane meticcia di 4 anni, dal portamento fiero, galoppata agile e soprattutto molta modestia!

Un Giorno da Cana è basato su quattro storie principali ambientate nella ridente cittadina di Piozzano (PC) , ma non solo.
Il libro non contiene solo delle storyline principali che vanno concluse cosi poi da dire “Ok ho finito il libro”, No.
Infatti al suo interno sono presenti sia delle storie secondarie che porteranno ad accumulare oggetti ed informazioni utili a completare poi le storie principali, ma…

– Eh dai! cos’altro ancora?
– Aspetta che te lo dico…

Pensavi di giocare solo andando avanti ed indietro nelle pagine scegliendo paragrafi e bivi? Si, ma per risolvere alcuni bivi e trovare informazioni per completare al 100% il libro bisogna risolvere anche alcuni enigmi nascosti all’interno delle vignette.

Ci sono tantissime citazioni alla cultura pop, cosa che ho amato alla follia! Come il riferimento a “Guida intergalattica per autostoppisti” fino a passare per “Ghostbusters” in una citazione molto sottile ma significativa, per poi arrivare all’intramontabile Star Wars! Ma sfogliando se ne troveranno di molte altre.

Le storie principali possono comprendere veramente la qualunque, dall’aiutare maialini fantasma a risolvere una particolare “riunione di condominio” per poi arrivare a spaventare un “branco” di volpi che disturbano costantemente un gruppo di gatti cospirazionisti.
Portare un cucciolo di cinghiale a scuola di nuoto, oppure convincere due clan di topi che vivono nei sotterranei di Montecanino ad una tregua dovuta alla loro frazione.

(per chi non lo sapesse, Montecanino è una frazione del comune di Piozzano in provincia di Piacenza)

Insomma, la vita di Lucy non è di certo una vita da cana come tutte le altre. Le avventure come le sue sono veramente straordinarie, ci si può aspettare di tutto.

L’ESPERIENZA

La particolarità dell’esperienza di gioco sta non tanto nello scegliere i paragrafi e le vie da percorrere, ma il cuore è nei dettagli.
Sfogliare più e più volte le pagine per cercare qualche enigma nascosto da poter risolvere per poter poi risolvere tutte le side quest o comunque per riuscire a terminare le storie principali, è un qualcosa di dannatamente divertente anche se molto probabilmente correrete il rischio di ritrovarvi in un loop. Cosa che col tempo e con la dovuta calma si sbloccherà.
L’inserimento di enigmi e “Mini giochi” all’interno è una “meccanica” che personalmente non ho mai trovato in altri libri game.

Oltretutto mi sento di dover spendere anche qualche parola sulle illustrazioni, meravigliose.
Tartarotti è veramente sublime e ha una sua composizione fotografica che veramente mi trasmette anche solo la voglia di sfogliare il libro per guardarne le tavole, l’utilizzo dei colori e delle luci è pure magistrale. Insomma questo binomio Tartarotti – Giove mi è piaciuto parecchio!

CONCLUSIONI FINALI

Magari dalla copertina potrebbe sembrare un libro per bambini, infatti il suo target è anche quello, ma anche gli adulti, come puoi aver letto ed intuito dalle mie parole precedentemente, possono trovarlo divertente e soprattutto interessante nello scoprire le diverse chiavi di lettura tra cui anche tutte le citazioni in merito.

Un Giorno da Cana è senza dubbio un progetto riuscito alla grande, cosa per niente banale! L’arricchire il libro con piccoli giochi ed enigmi nascosti ti farà innamorare alla follia e non vorrai mai smettere di sfogliare il volume.
Per questo mi sento di dire anche che aspetto con ansia un “Giorno da Cana vol 2” con magari altre storie inedite ed altri giochi, enigmi e soprattutto citazioni a dismisura.

Vi lascio con i Pro ed i Contro della recensione ed il link per acquistarlo!

9

VOTO

9.0/10

Pros

  • Storie ed Illustrazioni stupende
  • Enigmi e mini giochi presenti all'interno
  • Side Quest divertentissime
  • Citazionismo ad alti livelli
  • Prezzo Giusto

Cons

  • Si può rischiare in un loop ed uscirne dopo un bel po' di tempo
SEGUICI anche su Facebook e Instagram

immagine-profilo

Fabio Molinari

Ciao! Sono Fabio, sono nato in un caldissimo Agosto del 1991, sono abruzzese e sono un fotografo, videomaker, grafico... insomma, diciamo che sono un creativo e mi occupo di qualsiasi cosa abbia a che fare con la comunicazione visiva da circa 8 anni. Sono un collezionista di film, amo il caffè, sono appassionato di cinema, musica e giochi da tavolo, colleziono anche loro ovviamente, da circa 4 anni. Insomma, si può dire che ho tutte le carte in regola per essere un piccolo nerd del nuovo millennio, di sicuro la mia infanzia è stata fatale per quelle che oggi sono le mie passioni, ho smagnetizzato le VHS dei Ghostbusters e di Space Jam. Ho rovinato una plancia di un Risiko facendoci cascare sopra l'aranciata, giocavo a Magic e scambiavo carte dei Pokèmon. Beh non credo di avere abbastanza spazio da potervi dire tutto quello che combinavo da ragazzino, ma credo che una piccola idea ve la siete fatta e spero di avervi trasmesso un po' di simpatia. Un abbraccio, Fabio

I commenti sono chiusi.