FIESTA DE LOS MUERTOS: Il Gioco Da Tavolo Che Vi Saprà Stupire

I morti hanno una sola paura: Essere dimenticati.
Riusciremo a ricordarli tutti con il nuovo gioco targato Playagame Edizioni?

PANORAMICA GENERALE

I defunti hanno una sola paura: Essere dimenticati.

In questo nuovo gioco di Playagame Edizioni, i giocatori dovranno collaborare per riconoscere e ricordare le persone che sono passate nell’aldilà.

Un party game collaborativo, basato sulle parole, ideato da Antonin Boccara, per 4/8 giocatori e dalla durata di circa 15 minuti a partita.

Riusciremo a ricordarli tutti?

 

REGOLAMENTO

Ogni giocatore prenderà una carta personaggio, la guarda e scriverà il nome appena letto all’interno del proprio teschio.

Ora, dopo averlo richiuso, i giocatori dovranno scrivere una parola indizio (che si ricolleghi al personaggio) all’interno della bocca del teschio.

É VIETATO scrivere più parole o nomi di persone reali o di fantasia, per non facilitare troppo il gioco.

Poi dopo aver annerito uno dei denti del teschio, i giocatori lo passeranno alla loro sinistra, ricevendo così un nuovo teschio da chi è seduto alla loro destra.

Quando si riceve il nuovo teschio, non si può aprirlo per leggerne il nome al suo interno ma si potrà leggere solo la parola indizio scritta in precedenza.

Ora, dopo averla letta, la si dovrà cancellare e scrivere una nuova parola che sia strettamente legata a quella appena cancellata.

É VIETATO scrivere una parola con la stessa radice di quella appena cancellata.

Dopo aver fatto questo si dovrà colorare il secondo dente e poi si dovrà passare il teschio al giocatore alla nostra sinistra come fatto in precedenza.

Si continua così quando tutti i denti del teschio (che sono 4) sono stati colorati.

Ricordare i Defunti

Durante questa fase del gioco, si dovranno raccogliere e mescolare i teschi per poi svelarvi a faccia in su sul tavolo.

Poi si dovrà raccogliere anche le carte personaggio (ovviamente senza guardarle) dei giocatori e se ne pescheranno di nuove dal mazzo tante quante ne serviranno per averne un totale di 8.

Ad esempio, giocando in 5 giocatori avremmo le 5 carte personaggio di partenza più altre 3 pescate dal mazzo per un totale di 8.

Dopo aver mescolate tutte e 8 le carte personaggio le si sveleranno al centro del tavolo.

Ora i giocatori, leggendo la parola sul teschio e ricordando quelle lette durante la partita, dovranno cercare di dedurre quale sia il personaggio all’interno di ogni teschio tra gli 8 disponibili.

Scriveranno segretamente le loro ipotesi sulla propria plancia risposte.

Quando tutti hanno finito di scrivere si andrà alla verifica.

Si apre il primo teschio e si legge il nome al suo interno.

Si conta il numero di giocatori hanno indovinato e si barrerà lo stesso numero di caselle bianche, da sinistra verso destra, partendo da quella con lo stesso numero dei giocatori.

Se tutte le caselle bianche disponibili verranno barrate, i giocatori avranno ricordato il defunto e il teschio potrà essere richiuso. In caso contrario rimarrà aperto…ma non tutte le speranze sono perse!

Barrando l’ultima casella del teschio, quella arancione, avremo diritto ad un Osso della memoria.

In base al numero di giocatori, partiremo con un determinato numero di ossa più tutte quelle conquistate in fase di verifica.

Quando tutti i teschi sono stati controllati è il momento di usare le ossa della memoria.

Per ogni osso potremmo barrare una casella bianca di un teschio ancora aperto, in modo da segnare tutte le caselle ancora bianche e poterlo richiudere.

Maggiore sarà il numero di teschi richiusi e migliore sarà la fiesta!

 

CONSIDERAZIONI FINALI

Nel video qui sotto troverete il tutorial e le mie considerazioni su questo gioco che ricorda il telefono senza fili che facevamo da bambini.

Ma non solo! troverete anche la variante delle restrizioni e il significato dell’asterisco giallo su alcuni nomi.

FIESTA DE LOS MUERTOS

8.3

Voto

8.3/10
SEGUICI anche su Facebook e Instagram

immagine-profilo

Stefano Stievano

Mi sono avvicinato a questo mondo fin da piccolo ma solo da qualche anno ho deciso di accostarmi in maniera diversa ai giochi da tavolo. Dopo aver creato qualche prototipo, inventato cene con delitto, costretto i miei amici a fare da cavie tra giochi, quiz tv e quant'altro ho deciso da un po' di tempo di unire la passione per la scrittura e quella dei giochi da tavolo. Mi piace raccontare me stesso attraverso loro, le mie esperienze, i miei amici, la mia vita e la mia quotidianità. I miei giochi preferiti sono quelli tematici o deduttivi, meglio se con un pizzico di bluff e con ruoli segreti... ma difficile scegliere una categoria.... Spero un giorno di riuscire a coinvolgere il maggior numero di persone possibile dentro al nostro folle e divertente mondo. Buon viaggio!

I commenti sono chiusi.