Ravnica Allegiance Mythic Edition di Magic the Gathering

Continua l’ondata di planeswalker per gli amanti delle carte premium. Questa volta sarà un prodotto alla portata di tutti?

Seguendo il filone di Guilds of Ravnica Mythic Edition, la Wizard ci propone il Ravnica Allegiance Mythic Edition. Per chi non lo ricordasse, si tratta di un prodotto particolarmente lussuoso legato all’espansione Fedeltà di Ravnica.

Il prodotto è stato rilasciato il 24 Gennaio 2019. Come il precedente booster box, Ravnica Allegiance Mythic Edition è composto da 24 bustine provenienti da Fedeltà di Ravnica e dalle 8 carte esclusive Masterpiece Series. Le carte in questione sono 8 planeswalker ristampati con grafica alternativa e contrassegnati come rare mitiche. I planeswalker selezionati sono i seguenti:

  • Karn, Discendente di Urza: la seconda versione di Karn planeswalker, quella presentata in Dominaria per intenderci, sta avendo davvero molto successo in tutti i formati competitivi. La sua versatilità torna utile negli archetipi Control e Combo. Questa è una ristampa abbastanza scaltra, che rende felici tutti i giocatori hardcore. L’inserimento di Karn, Discendente di Urza lo paragono a quello di Teferi, Eroe di Dominaria dello scorso Guild of Ravnica Mythic Edition. È un’occasione per recuperare una carta eccezionale, ma in versione super lussuosa. Ottima scelta! L’unica nota che trovo stonata è l’illustrazione, che sinceramente preferisco la precedente;
  • Jaya Ballard: proveniente anch’essa da Dominaria, Jaya viene giocata in vari deck di Commander. È veramente una bella carta, ma l’unico formato competitivo che può supportare quei cinque mana (tra cui i tre rossi) è solo il Commander (sia duel, che multiplayer). Se in Modern fosse ancora legale Canzone Ribollente, sicuramente, Jaya avrebbe potuto trovare altro spazio, ma sappiamo benissimo che quella carta non tornerà mai. Pazienza! Non mi lamento del suo valore, ma potevano inserire altre carte. È una scelta di lore, più che di gioco;
  • Sorin Markov: lo stesso discorso vale per la prima versione di Sorin, quella mono-nera apparsa per la prima volta in Zendikar. L’unico formato che riesce a supportare quei sei mana (soprattutto i tre neri) è il Commander. Per fortuna qui spacca di brutto! La chiave è la seconda abilità, che accorcia di colpo i punti vita dell’avversario… La vittoria è quindi facilitata! Tuttavia, non credo che sia una ristampa necessaria… Visto che nello scorso Guild of Ravnica Mythic Edition hanno inserito Liliana, l’Ultima Speranza, anch’essa mono-nera, potevano variare scegliendo planeswalker di altri colori;
  • Tamiyo, Saggia della Luna: questa è proprio la scelta che non capisco. Tamiyo non la vediamo dai tempi di Ritorno di Avacyn. È indubbiamente utile per il Commander, perfetta per abbondare di carte in mano. Nulla di ridire sul suo potenziale, ma anche qui mi faccio la solita domanda: è davvero necessaria? Non credo. Sono dell’idea che potevano scegliere altro;

  • Dack Fayden: torniamo a parlare di planeswalker di spessore! Dack Fayden, apparso per la prima volta in Conspiracy, è stato il primo planeswalker ideato appositamente per i formati eterni. Di fatti, ha subito trovato spazio nel competitivo di: Legacy, Vintage e anche Commander. È questo il tipo di carte che vorrei in un prodotto così esclusivo… Carte di potenza e di valore! Sono consapevole che non possono mettere solo roba di spessore, bisogna sempre trovare un compromesso. Tuttavia, qualche sforzo in più lo devono fare! Stiamo parlando di set davvero costosi, devono fare quello sforzo in più per riuscire a convincere gli acquirenti a comprare! In ogni caso, la scelta promossa;
  • Ajani, Mentore di Eroi: qua torno a lamentarmi. Anche questa è una scelta per i giocatori di Commander, eccezionale per potenziarsi su più fronti. Però, non capisco perché hanno inserito proprio questa trasposizione di Ajani… Perché non inserire la miglior versione del planeswalker, ovvero: Ajani Vendicativo? Potevano rilasciarla senza problemi, non avrebbe di certo appesantito il costo economico dell’offerta. Inoltre, sarebbe tornata utile per il competitivo del Modern… Un’altra occasione sprecata;
  • Domri, Portatore del Caos e Kaya, Usurpatrice Orzhov: come è accaduto in Guild of Ravnica Mythic Edition, sono inseriti due planeswalker dell’ultima espansione di Ravnica. Di questi due carte ve ne ho parlato nello scorso articolo di Fedeltà di Ravnica… Li stiamo testando in gioco, quindi non ho altro d’aggiungere. Trovo le illustrazioni molto belle, le migliori del mini-set. Però non capisco perché hanno lasciato fuori Dovin, Gran Giudice. Non è di certo imprescindibile, tuttavia mi aspettavo di vederlo ristampato insieme agli altri due “colleghi” di Fedeltà di Ravnica. In realtà questo non è un problema, si tratta solo di una personale pignoleria.

Possiamo dire tutto della Wizard, ma su un fatto siamo (quasi) tutti d’accordo: la Wizard è un’azienda onesta, che ammette senza problemi i propri errori. Nell’articolo di presentazione di questo prodotto, la società ha dichiarato, senza giri di parole, che lo scorso Guild of Ravnica Mythic Edition è stato un flop commerciale. Le vendite sono state alquanto deludenti, quindi l’azienda ha deciso di cambiare la formula di distribuzione. Adesso Ravnica Allegiance Mythic Edition si può trovare solo sito Ebay della Hasbro. Quindi non è più disponibile solo per il mercato americano, ma è acquistabile senza problemi da tutti gli utenti dell’intero globo. Visto che si tratta di un prodotto limitato, possono essere acquistati massimo due box per utente.

È un prodotto destinato esclusivamente ai giocatori interessati a questo genere di offerte lussuose. Un pubblico composto da collezionisti e/o da giocatori che amano abbellire il proprio deck.

Fin qui non ho nulla da ridire su queste scelte… Anzi, hanno fatto benissimo a prevenirsi in questo modo! Il problema sta sempre nel prezzo. Diciamolo francamente: 249,99$ per 24 bustine e 8 carte di lusso è sempre un prezzo troppo alto! Non sto dicendo che devono regalarcelo… Però diciamolo francamente: tutti gli otto planeswalker proposti non sono all’altezza delle aspettative. Sono davvero pochi quelli che perforano concretamente il competitivo. Come ho già scritto: dovevano fare di più, fare scelte maggiormente ponderate!

Personalmente, consiglio l’acquisto solo agli amanti del genere. I giocatori alle prime armi, o senza quella somma da spendere, possono recuperare le carte in altre modi. Per il resto, sono curioso di vedere cosa realizzerà la Wizard per i prossimi prodotti masterpiece. Chissà cosa inventeranno… Staremo a vedere!

Commenti


immagine-profilo

Marco Grande Arbitro

Fondatore e caporedattore del blog nerd/geek/pop GiocoMagazzino. Blogger (da 12 anni), podcaster e youtuber. Sono un appassionato di giochi da tavolo, in particolare prediligo i giochi di carte. Una passione iniziata, e che continua, con Magic the Gathering! Per il resto, sono laureato in Scienze dell'Educazione (educatore professionale). Sono un collezionista di Funko Pop, adoro il cinema e la buona musica.

I commenti sono chiusi.

Leggi articolo precedente:
Tzolkin
Tzolk’in – Recensione

Tzolk'in è un gioco di piazzamento lavoratori innovativo, ambientato all'epoca dei Maya. Fate prosperare la vostra tribù... prestando attenzione al...

Chiudi