The Mind: Un gioco di intesa che punta allo Spiel

The Mind è più di un semplice gioco. È un esperimento, un viaggio, un’esperienza di squadra in cui non è possibile scambiare informazioni.

Nel 2015 il gioco “The Game” del designer Steffen Benndorf usciva per la NSV e si guadagnava buone critiche per la sua semplicità e addirittura una nomination come spiel des jahres.
Criticata per i disegni scheletrici sulle carte e per il nome decisamente poco ispirato, la NSV rilancia nel 2018 l’idea semplice e collaborativa con un mazzo di 100 carte numerate per il gioco di Wolfgang Warsch chiamato The Mind.

Da grande appassionato di The Game non potevo non provarlo e sono rimasto piacevolmente sorpreso dall’idea di fondo che è implementata in modo semplice e adatto a divertire famiglie e amici che vogliono passare 15 minuti a sperimentare la loro intesa.
Nel video vi parlo brevemente del gioco e vi mostro un “live” rubato a una partita fatta con i miei fratelli in gita.
L’idea del gioco in due parole è la seguente: voi e i vostri compagni ricevete alcune carte dal mazzo e le dovete giocare in sequenza dalle vostre mani senza però sapere che carte hanno gli altri.
Quante carte avete in mano dipende dal livello che state giocando. Al primo livello giocate con una carta, al secondo con due carte… arrivati all’ottavo o nono livello si scatena il caos intorno al tavolo!

Se c’è un 15 in tavola probabilmente il mio 23 sarà la prossima, penso. Avvicino la mano al tavolo, guardo gli altri compagni negli occhi per cercare conferme… anche il compagno alla mia sinistra fa una smorfia e avvicina incerto una carta al tavolo. Avrà una carta precedente alla mia? O successiva?
Se sbagliamo a giocare una carta fuori sequenza perdiamo una vita e quando le nostre vite finiscono, finisce anche il gioco. Date un’occhiata alla partita giocata e capirete che è un gioco che vi metterà alla prova nonostante le regole siano proprio poche.
Fatemi sapere che ne pensate. E voi che altri giochi semplici di carte giocate?
Buon divertimento

Commenti


immagine-profilo

Daniele Mazzoni

Sono Daniele, ho studiato ingegneria informatica a Roma e vivo a Zurigo dal 2011. Ho un bambino piccolo e da qualche anno sono tornato ai giochi da tavolo. Sul canale playcool.ch faccio dei brevi video in cui parlo di giochi da tavolo sperando di poter contagiare qualcuno con la mia passione, fatevi sentire e contagiate anche voi qualcuno a sedersi a tavola con voi!

I commenti sono chiusi.

Leggi articolo precedente:
Oggetti di Dungeons & Dragons presi da Fable e Elder Scrolls? Ci pensa un Fan

Un appassionato fan ha convertito dozzine di oggetti dalle serie Fable e Elder Scrolls in armi e manufatti per Dungeons...

Chiudi