Recensione di Gloomhaven: un vero e proprio “RPG da tavolo” che vi trascinerà in un mondo epico.

Ha spopolato le classifiche di settore per mesi; è stato il gioco più discusso del 2018. Varchiamo assieme le porte di Gloomhaven, e che l’avventura abbia inizio!

Edizione Originale: Cephalofair Games
Autore: Isaac Childres
Giocatori: 1-4
Età: 12+
Durata: 30’ per giocatore

 

Dovendo definirlo in pochissime parole, Gloomhaven è un dungeon crawler cooperativo che presenta alcune caratteristiche in comune con il più famoso gioco di ruolo fantasy “Dungeons and Dragons”: l’ambientazione fantasy, la crescita del personaggio e il combattimento con i mostri.

Il gioco si sviluppa attraverso una campagna descritta nel “Libro degli Scenari”, composto da 95 missioni.

I giocatori vestiranno i panni di un gruppo di mercenari che, per perseguire ognuno i propri obiettivi personali, si ritroverà ad affrontare pericoli e combattere pericolosi mostri, portando nel contempo gloria e prestigio alla ricca città di Gloomhaven.

 

Molti lo definiscono il gioco definitivo: noi lo riteniamo un ottimo cooperativo, e l’aspetto legacy lo rende unico nel suo genere, almeno per il momento.

IL GIOCO IN BREVE

A inizio campagna i giocatori sceglieranno una delle sei classi di personaggi base disponibili e prenderanno la relativa scatola eroe con miniatura.

All’interno della scatola ci sono scheda personaggio, un mazzo di carte personalizzato e un mazzo modificatore eroi.

 

Le carte personaggio riportano al centro un valore di iniziativa, che divide la carta in due parti: la parte superiore (che solitamente riporta un’azione di attacco) e la parte inferiore, che riporta invece un’azione di movimento.

 

Durante ogni round i giocatori giocheranno simultaneamente due carte: di una utilizzeranno la parte superiore e di una quella inferiore.

Anche per i mostri si scoprirà una carta dal loro mazzo personale e si svolgeranno, in base all’iniziativa, le azioni descritte.

I round continuano a susseguirsi fino al raggiungimento dell’obiettivo dello scenario o alla sconfitta di tutti gli eroi.

DENTRO LA SCATOLA

Gloomhaven fa sicuramente colpo per le sue dimensioni, 41.1x19x30, per un peso di 9.07 kg, e anche superato lo shock delle dimensioni al momento dell’apertura lascia a bocca aperta.

Il peso è un chiaro indizio sulla quantità di materiali che troverete all’interno.

 

Oltre a un manuale di 55 pagine, la scatola contiene:

  • 1 Libro degli Scenari
  • 1 Archivi della Città
  • 1 tabellone mappa
  • 30 tessere componibili mappa a doppia faccia
  • 155 tessere ambiente a doppia faccia
  • 18 miniature personaggi Eroi
  • 17 schede Personaggi Eroi
  • 504 carte “Abilità personaggi” Eroi
  • 457 carte “Modificatore attacco”
  • 240 segnalini mostri
  • 232 carte “Abilità” dei mostri
  • 35 scatole personaggi
  • 24 supporti di plastica per segnalini mostri
  • 47 schede statistiche dei mostri
  • 6 buste per le schede statistiche dei mostri
  • 150 carte evento (x69 Villaggio, x81 Città)
  • 253 carte oggetto (x228 standard, x25 casuali)
  • 6 dischi elemento in legno
  • 1 tavola delle infusioni elementari
  • 1 segnalino round
  • 24 carte “Obiettivo Battaglia”
  • 24 carte “Missione Personale”
  • 9 carte “Scenario Casuale”
  • 40 carte “Dungeon Casuale”
  • 4 carte riferimento per il giocatore
  • 32 segnalini evocazione (x16 Evocazioni, x16 indicatori)
  • 60 segnalini di stato
  • 85 segnalini personaggio
  • 50 segnalini moneta (x10 da 5, x40 da 1)
  • 46 segnalini danno (x28 da 1, x12 da 3, x6 da 10)
  • 10 segnalini esperienza generici
  • 4 segnapunti HP/XP
  • 12 segnalini numerati
  • 17 blocchi dei personaggi
  • 1 blocco di gruppo per la campagna
  • 3 buste sigillate
  • 4 fogli adesivi

 

Appena aprirete la scatola vi troverete di fronte ad una ventina di fustelle con tutti i componenti del gioco; dopo 30/35’ (per i più abili 20’) potrete “forse” intavolare il primo scenario.

IL GIOCO

Durante la fase di preparazione la prima cosa da fare è guardare lo scenario da giocare nel “Libro degli Scenari”, per poter disporre la mappa e tutti i materiali che si dovranno utilizzare durante la partita.

Dopodiché si passa alla creazione dei personaggi (se è la prima partita) o si prendono i personaggi già creati e si stabilisce la difficoltà dello scenario in base al livello degli eroi.

Il gioco sarà quindi sempre equilibrato, anche nel momento in cui vorrete introdurre un personaggio, che quindi comincerà la partita da un livello di esperienza più basso rispetto a quello degli altri giocatori.

Si prosegue con la lettura introduttiva dello scenario e se necessario si applicano gli eventuali effetti positivi o negativi presenti nella sezione “Regole Speciali”.

Infine ogni giocatore pescherà due carte Obiettivo Battaglia e sceglierà quale tenere per la missione in corso.

Completati questi passaggi si può finalmente iniziare a giocare.

Le carte personaggio, divise nelle due azioni (superiore ed inferiore) dal valore di iniziativa.

Ogni round è composto da:

  1. Fase di scelta delle carte
    Ogni giocatore sceglierà due carte dalla mano e le metterà nella propria area di gioco, oppure dichiarerà di fare un riposo lungo, modalità in cui un giocatore potrà recuperare eventuali punti ferita e ricaricare alcune abilità utilizzate in precedenza.
  2. Fase di determinazione dell’iniziativa
    Durante questa fase ogni giocatore dichiarerà uno dei due valori presenti al centro delle carte scelte, e contemporaneamente si riveleranno anche le carte abilità dei mostri presenti nella stessa stanza. L’ordine di gioco viene stabilito in base ai valori di iniziativa. Può ovviamente capitare che i mostri attacchino prima degli eroi.
  3. Fase di turno dei personaggi e dei mostri
    In ordine di iniziativa, i giocatori (o i mostri) svolgeranno le proprie azioni.
    I giocatori hanno a disposizione due azioni, come già spiegato precedentemente: una corrispondente alla parte superiore della carta e una a quella inferiore. I mostri invece eseguiranno le azioni indicate dalla loro carta, che potrebbero essere più o meno di 2.
  4. Fase di riordino
    In questa fase, non sempre necessaria, i giocatori potranno effettuare un riposo breve, o la sistemazione di alcune carte presenti nei mazzi di modificatori eroi o mostri.

Il fulcro del gioco è il combattimento, che risulta facile da apprendere anche per chi è alle prime esperienze di giochi del genere.

Tramite la pianificazione degli attacchi la fase di combattimento è molto intuitiva.

I giocatori avranno un loro segna punti dove tracceranno ferite ed esperienza.

I mostri invece hanno, in base alla tipologia, delle schede statistiche sulle quali segnare danni e condizioni particolari.

Come in tutti i giochi “card driven” (cioè con sistema di gioco basato sulle carte) è bene leggere tutte le carte a disposizione prima di iniziare a giocare, sia per velocizzare la partita sia per godere a pieno l’esperienza di gioco.

Inizialmente si faticherà nella gestione delle azioni che si potranno svolgere, ma procedendo con l’esperienza e lo studio del proprio personaggio sarà tutto più semplice.

Gli attacchi hanno un valore fisso, dato dalla carta che si userà, sommata al valore del proprio mazzo modificatore eroe. Medesimo sistema di combattimento si usa con i mostri.

Il meccanismo è tutto sommato veloce e facile da comprendere. Un perfetto gioco per tutti coloro che odiano l’aleatorietà data dal tiro del dado.

 

 

MODALITÁ CAMPAGNA & ASPETTO LECAGY

Il gioco presenta un aspetto legacy che si discosta rispetto agli standard cui eravamo abituati come Risk! o Pandemic legacy (cambiamenti permanenti alla mappa di gioco, alla struttura della campagna fino alle regole del gioco stesso).

In Gloomhaven l’aspetto legacy non si sentirà particolarmente dalla plancia di gioco quanto dai personaggi.

Nel momento in cui un personaggio raggiunge il cosiddetto “life goal”, il suo scopo finale, questi si ritirerà dalla carriera di avventuriero, e si andrà ad aprire una nuova scatola ancora sigillata, che fino a quel momento si era potuto solo sbirciare dall’esterno. Il fattore sorpresa è davvero degno di nota.

Come già detto il gioco è formato da una lunghissima campagna, il cui intrecciarsi di storie renderà le vostre missioni uniche. Dopo aver concluso ogni scenario, sia con un successo sia con un fallimento, i giocatori potranno fare ritorno alla città di Gloomhaven oppure potranno viaggiare direttamente verso la prossima missione scelta.

In città i giocatori possono svolgere diverse attività come completare eventi, acquistare e vendere gli oggetti, migliorare le proprie abilità, far salire di livello il proprio personaggio, annunciare il proprio ritiro o creare un nuovo personaggio.

L’aspetto legacy del gioco è molto intrigante.

Lo scoprire di volta in volta nuovi luoghi, risvolti nella storie, personaggi ed oggetti rende molto duraturo un gioco che potrebbe altrimenti trasformarsi in un semplice skirmish. Gloomhaven fa un ottimo lavoro nell’invogliare i giocatori a continuare a giocare per sapere cosa succede o cosa riserverà il futuro del proprio personaggio.

Benvenuti a Gloomhaven, città di mercenari, ladri ed avventura!

 

VALUTAZIONI

Partendo dalle considerazioni tecniche, possiamo iniziare dicendo che sul bilanciamento del gioco è stato fatto decisamente un ottimo lavoro.

Anche se bilanciare un gioco in stile “dungeon crawler” non è particolarmente difficile se paragonato ad un eurogame/german, le varie classi utilizzabili sono comunque tutte ben ragionate, e gli scenari offrono sempre una sfida all’altezza ma mai totalmente frustrante.

Inoltre, dato che in Gloomhaven non ci sono dadi, l’unico fattore che può influenzare la fortuna di un giocatore sono le carte modificatore d’attacco, fattore che premia la conoscenza del proprio personaggio e un approccio strategico ad ogni partita.

 

Il gioco prevede un limite massimo di quattro giocatori, che a nostro parere è un numero adatto per una gestione ottimale dei materiali sul tavolo e per le dinamiche di gioco. Essendo un titolo cooperativo in cui tutti interagiscono insieme per portare a termine lo scenario, un giocatore in più al tavolo avrebbe richiesto un notevole spazio aggiuntivo oltre a quello già richiesto.

 

Una delle maggiori difficoltà al gioco potrebbe sicuramente essere il testo delle carte in inglese (e per il momento non c’è alcuna novità riguardo una possibile localizzazione in italiano) specialmente per chi non lo mastica bene.

Inoltre, dovendo muovere una critica, in alcuni momenti ci si può trovare in situazioni ambigue, nelle quali il modo in cui agiscono i mostri non è sempre molto chiaro. Certamente il regolamento ci viene in aiuto, ma risulta seccante (oltre a rallentare parecchio il ritmo di gioco) doverlo consultare così spesso.

Altra piccola nota sono le schede statistiche dei mostri: fossero state leggermente più grandi avrebbero reso molto più facile gestire i danni senza sovrapposizioni tra un mostro ed un altro.

 

A parte questo, i componenti del gioco sono veramente ottimi, con carte e tessere plancia ben realizzate, di facile comprensione e di buona qualità. Molto apprezzata anche la scelta di utilizzare standees in cartone per i mostri anziché le miniature 3d, rendendoli molto più gestibili.

Segnalini e token vari sono stati ben realizzati e con una grafica chiara; inoltre dopo sei mesi di utilizzo sono ancora tutti in ottimo stato. L’unica pecca è il libro delle missioni, realizzato con una carta plastificata leggermente troppo sottile

Un gioco potenzialmente infinito che regala emozioni sempre nuove, i cui elementi lo rendono accattivante e approcciabile anche da chi non ama troppo il genere.

Gloomhaven

9

Voto

9.0/10

Pros

  • Longevità enorme data dai moltissimi scenari e classi di personaggi utilizzabili
  • Sviluppo del personaggio e uso delle carte molto caratteristico
  • Ambientazione fantasy perfettamente realizzata
  • Ottimo aspetto narrativo

Cons

  • Essendo un collaborativo se non si è ben affiatati e non ci si riesce a mettere d’accordo il gioco potrebbe risentirne con allungamento dei tempi e notevole fastidio
  • Il costo proibitivo: 150€ come minimo e non è certo di trovarlo in tutti i negozi del settore

Commenti


immagine-profilo

Il Dado è Tratto

Giocatori e collezionisti da sempre, la nostra missione è quella di far conoscere le meraviglie del gioco da tavolo a chiunque sia disposto a darci 5 minuti di fiducia, trasmettendo questa passione nel modo più semplice possibile. Perché come diciamo sempre qui al Dado: “Esistono due tipi di persone: chi adora i giochi da tavolo e chi non ha ancora trovato il gioco giusto.”

I commenti sono chiusi.

Leggi articolo precedente:
Dragon’s Path: La via del drago secondo Dal Tenda

Un gioco di carte semplice, veloce ed interessante, che non rinuncia ad una certa dose di profondità.

Chiudi