PICCIONI: Quando Giocare “Sporco” È D’obbligo!

I Piccioni stanno invadendo la città! Sono ovunque, strade, statue, sui fili dell’elettricità… è anche sul nostro bellissimo balcone!
Dobbiamo porre rimedio! Toccherà a noi trasformarli in… trofei cercando di rimanere il più puliti possibile!

PANORAMICA GENERALE

I piccioni stanno invadendo la città! Sono ovunque, strade, statue, sui fili dell’elettricità… è anche sul nostro bellissimo balcone!

Dobbiamo porre rimedio!

Toccherà a noi trasformarli in… trofei cercando di rimanere il più puliti possibile!

Piccioni è un gioco di carte nato dalla mente di Davide Ardizzone, per 2/6 giocatori dalla durata massima di 30 minuti circa, edito grazie alla collaborazione con Tambù.

Vediamo di che cosa si tratta!

MATERIALI

Nella bella scatola bianca e linda con tanto di immagine del piccione grasso troviamo:

-4 Carte Luogo
-38 Carte Piccione (dorso azzurro)
-55 Carte Azione (dorso verde)
-3 Carte Regolamento

Le carte sono di buona fattura, consiglierei comunque di imbustarle per evitare qualunque incidente, visto che si dovranno maneggiare abbastanza.

Il punto di forza è sicuramente la grafica cartoonesca e comica. I piccioni sono davvero davvero divertenti e caratteristici, peccato siano solo di 5 tipi… voglio il peluche del piccione stupido, lo amo!

 

PREPARAZIONE DEL GIOCO

Disponete al centro del tavolo le 4 carte luogo.

Girate dal mazzo Piccioni, una carta per ciascun luogo ed una da mettere davanti a ciascun giocatore.

Ogni giocatore riceve 3 carte azione, formeranno la propria mano.

Mettete i mazzi a portata di tutti.

Tutti devono imitare il verso del piccione, colui che ci assomiglia di più sarà il primo giocatore.

Tutto è pronto per iniziare!

Set up per 3 giocatori

REGOLAMENTO

Durante il proprio turno il giocatore è OBBLIGATO ad eseguire due mosse ( anche ripetendo la stessa) scegliendo tra le seguenti:

  • Pescare 3 carte dal mazzo azioni
  • Giocare una propria carta dalla mano
  • Scartare una carta dalla propria mano per eliminare da davanti a sé una carta GUANO o due carte per eliminare una MONTAGNA DI GUANO
  • Scartare 2 carte dalla propria mano per trasformare in Trofeo (punti vittoria) un piccione davanti a sé

Il limite di carte che si possono avere in mano è 5, se in qualsiasi momento ne avessimo di più, saremmo obbligati a scartare l’eccedenza.

Le carte azione vanno usate nel proprio turno per applicarne gli effetti ma alcune si usano anche durante il turno degli avversari e si distinguono grazie alla R stampata in alto a destra, oltre per il testo sulla carta.

Le carte generalmente fanno spostare i Piccioni, trasformare in trofei i Piccioni o Rubare trofei degli avversari.

Poi ci sono le carte Guano e Montagna di guano, servono per sporcare l’area davanti ai giocatori.

Avere tanto “sporco” davanti a sé farà perdere molti punti.

A fine turno si dovranno girare piccioni dal relativo mazzo per metterli nei luoghi o davanti ai giocatori.  Se si sono giocate carta azione nel proprio turno si sommano i piccioni scritti in fondo alla carta, se invece non si sono giocate carte se ne gira sempre e comunque una.

I piccioni sono di 5 tipi ed hanno differenti effetti.

PICCIONE GRASSO: Occupa 2 spazi nel luogo e se presente davanti a sé permette agli avversari di giocare con un’unica azione tutte le carte guano (e montagna di guano) che hanno in mano

PICCIONE INFAME: Quando pescata va dritta davanti al giocatore e permette agli avversari di giocare una carta guano contro di noi

LA PICCIONA: Quando cambia zona un altro piccione scelto da chi è di turno la segue, ignorando l’eventuale capienza del luogo (perchè alcuni luoghi possono tenere un numero determinato di piccioni)

PICCIONE ZOPPO: Non può essere posizionato sui cavi elettrici (poverino!)

PICCIONE STUPIDO: Il piccione stupido non scappa e rimane sempre sul luogo….a mano che non ci sia del becchime ad attirarlo!

Si continua a giocare finchè il mazzo Piccioni non finisce.

Quando termina si procede al calcolo dei punti.

PUNTEGGIO

Ogni trofeo Guano/Montagna di guano fa guadagnare 2 punti
Ogni trofeo Piccione fa guadagnare 1 punto
Ogni Piccione davanti a sé fa perdere un punto
Ogni carta Guano davanti a sé fa perdere 1 punto
Ogni carta Montagna di Guano davanti a sé fa perdere 2 punti

Colui che ha il punteggio più alto vince la partita.

In questa foto,ad esempio, il giocatore ha un totale di 10 piccioni trofeo. Si dovranno togliere 1 punto per il piccione davanti a sé, 2 punti per le carte guano e altri 2 per la Montagna di Guano, per un totale di 5 punti.

 

CONSIDERAZIONI FINALI

Piccioni è uno di quei giochi che ti attira per la grafica ma speri di non rimanere deluso dal gioco stesso.

Ebbene Piccioni non delude!

Per 20/30 minuti si ride attorno al tavolo, soprattutto quando una vagonata di …. guano travolge un giocatore.

E’ un gioco leggero e tale deve essere giocato.

Molto si basa sulla pesca delle carte, avere poche armi significa non avere molti trofei ma in compenso si avranno molte carte guano da giocare contro gli avversari.

Capire ed imparare come gestire l’orda dei piccioni non è immediato ma è molto importante… soprattutto attirarli sulla strada per poi passare con la macchina.

Ricordarsi di pulire la propria area davanti a sé è fondamentale… spesso capita di finire sottozero!

L’esperienza e la durata cambia molto in base al numero dei giocatori, il mazzo Piccioni è sempre il medesimo quindi in tanti scorre via veloce…ricordatevi però che saranno le vostre carte azione a stabilirne la velocità!

Un punto a suo sfavore potrebbe essere la longevità, causata dalle poche tipologie di carte presenti nel mazzo.

In conclusione Piccioni è un gioco scanzonato da fare con gli amici per tirarsi dei tiri mancini ( e non solo) e ridere a più non posso senza dover spremere troppo le meningi.

Vi assicuro che a fine partita anche voi urlerete come me: “Maledetti Piccioni Infami!”

PICCIONI

0.00
7

Voto

7.0/10
SEGUICI anche su Facebook e Instagram

immagine-profilo

Stefano Stievano

Mi sono avvicinato a questo mondo fin da piccolo ma solo da qualche anno ho deciso di accostarmi in maniera diversa ai giochi da tavolo. Dopo aver creato qualche prototipo, inventato cene con delitto, costretto i miei amici a fare da cavie tra giochi, quiz tv e quant'altro ho deciso da un po' di tempo di unire la passione per la scrittura e quella dei giochi da tavolo. Mi piace raccontare me stesso attraverso loro, le mie esperienze, i miei amici, la mia vita e la mia quotidianità. I miei giochi preferiti sono quelli tematici o deduttivi, meglio se con un pizzico di bluff e con ruoli segreti... ma difficile scegliere una categoria.... Spero un giorno di riuscire a coinvolgere il maggior numero di persone possibile dentro al nostro folle e divertente mondo. Buon viaggio!

I commenti sono chiusi.