Historic Anthology 3 di Magic the Gathering

Il formato Historic guadagna altre ventisette ristampe che potenziano i deck esistenti e faranno nascere nuovi archetipi

Come promesso dalla Wizard’s of the Coast, si rinnova l’appuntamento con il formato Historic.

Il prossimo 21 maggio 2020 su Magic the Gathering Arena verrà rilasciato Historic Anthology 3: la terza mini-espansione destinata esclusivamente al formato Historic, che contiene ben 27 ristampe. Vediamole nel dettaglio:

  • Iniziamo con le comuni. Questa volta vengono introdotte quattro ristampe, vediamo: Inquinatore di Palmagemma (un classico dello Zombie Tribal del Blocco Assalto, oltre a pescare, fa perdere molti punti vita all’avversario. Nel formato tornerà utile per potenziare l’omonimo tribal), Zannuto di Krosa (un classico per tutorare le terre base. Con l’entrata di Ikoria: Terra dei Behmoth, questa carta nel formato troverà molto spazio. I Midrange lo giocheranno volentieri), Dipartita Silenziosa (un rimbalzino che non vedevamo da tempo in competitivo. Sicuramente troverà spazio in molti deck, ma soprattutto interagisce con le meccaniche di cimitero di Theros: Oltre la Morte e della prossima Amonkhet Remasters) e Intermittenza Momentanea (un classico per gli archetipi Flicker, nei vari Midrange e Combo Azorius troverà spazio. Nell’Historic ci sono molte belle creature da blinkare);

  • Iniziamo le non comuni con un ciclo particolare. Direttamente da Campioni di Kamigawa, tornano le cinque carte Santuario. Si tratta di cinque incantesimi leggendari, di tipo santuario, che si potenziano in base al numero di santuari che si controllano. In competitivo, i santuari hanno sempre trovato spazio nell’archetipo Ideal. Negli ultimi tempi, vengono giocati nel Peasant e in qualche deck di Commander. Sono molto curioso di vedere che impatto avranno nel formato, molti Enchantress possono sfruttarli. Possono interagire bene con le carte di Theros: Oltre la Morte. Vediamo: Honden del Fuoco Purificatore (fa guadagnare punti vita), Honden dei Venti Veggenti (fa pescare carte), Honden dei Confini della Notte (fa scartare carte), Honden della Rabbia Infinita (infligge danni) e Honden della Rete della Vita (crea pedine);

  • Per il resto delle non comuni, vediamo: Inceneritore di Palmagemma (un removal classico e necessario per il Goblin Tribal, donerà maggior stabilità all’archetipo), Rinforzi Tempestivi (un classico delle sideboard di più formati, perfetto per riprendersi contro i Burn e gli Aggro di ogni sorta. Troverà molto spazio anche in Historic), Ruggito del Wurm (uno spedinatore che troverà molto spazio con l’uscita di Amonkhet Remasters. Si potrebbe riproporre l’archetipo Madness), Editto di Chainer (removal estremamente amato dai giocato, un graditissimo ritorno che troverà spazio in molti deck), Rituali di Esumazione (reanimator con Flashback molto giocato in monocopia nei vari Control. Troverà spazio anche nel formato) e Ziggurat Ancestrale (un graditissimo ritorno per gli archetipi Tribal a più colori, tornerà davvero utile anche in ottica delle uscite future);

  • Continuammo con le rare, questa volta sono presenti otto ristampe. Vediamo: Acciaio Temprato (questo incantesimo mi mette dei dubbi. Ci sono creature che trarranno vantaggio, come Bruto di Pan di Zenzero e Sorvegliante d’Acciaio, però è ancora troppo poco per montare un deck stabile. Che possa anticipare un l’uscita di un’espansione che interagisce con gli artefatti? O presto arriverà anche Kaladesh Remastered? Staremo a vedere), Controfigura (un Clone abbastanza giocato nei deck combo. Peccato che non sia presente Sveglialata, ma tornerà utile nei vari Combo del formato), Canto del Cigno (altra carta da giocare in side, da utilizzare contro i Combo e i Control. È da giocare contro Fuochi dell’Invenzione), Scherzo del Diavolo (all’epoca era giocato nei Red Deck Wins di Standard, nel formato potrebbe trovare spazio nel deck Temur Reclamation), Riforma Tettonica (grazie all’espansione Ikoria: Terra dei Behemoth, questa carta guadagna molto spazio nel formato. L’archetipo Cycling ringrazia), Presenza dell’Incantatrice (graditissimo ritorno per gli archetipi Enchantress e, volendo, anche Auras. Essenziale nell’archetipo), Risveglio del Mirari (una bomba del Commander, nell’Historic potrebbe trovare spazio in deck che devono abbondare di mana. Potrebbero utilizzarlo Midrange o Combo, come gli archetipi Bant) e Bomba a Cricchetto (altra carta cult da giocare in qualsiasi sideboard, specialmente nei Control e nei Midrange. Tornerà davvero utile nel formato);

  • Concludiamo con le rare mitiche. Vediamo: Annientatore di Phyrexia (una bomba per i Mono Black, tornerà anche utile negli archetipi Devotion to Black. Una bella entrata per l’archetipo), Ulamog, la Fame Incessante (a sorpresa viene ristampata la seconda versione di Ulamog! Non abbiamo i Tron e i Post per avvantaggiarsi, ma lo possiamo giocare nei vari archetipi che abbondano di mana. Spirale di Crescita, Uyro, Titano dell’Ira della Natura e Risveglio del Mirari ci permetterà di giocare questo mastodonte pazzesco), Ricordo di Akroma (nonostante le sette mana, potenzia di brutto. Capitano Sisay ci permette di reperirlo subito) e Fine del Labirinto (la carta essenziale che serviva per l’archetipo Gate. L’archetipo guadagna maggior stabilità).

Negli ultimi mesi mi sono approcciato molto al formato Historic, ammetto che lo sto trovando molto stimolante. Apprezzo molto questa terza ondata, ancora una volta hanno fatto delle scelte molto ponderate. Non solo vengono potenziati gli archetipi esistenti, ma sono presenti molte aperture per archetipi ancora inediti. Possiamo sperimentare belle cose!

Infine, come ho accennato nell’articolo, il prossimo passo dell’Historic saranno le introduzioni dei Remastered Set. Come accaduto per Tempest Remastered, per Magic Arena verranno rilasciati dei set antologici che comprendono le migliori carte di un determinato blocco. Il primo di questa serie sarà Amonkhet Remastered: un’ottima scelta, visto che nella beta del videogame erano presenti le carte di Amonkhet e l’Era della Rovina non perderanno a reintrodurre le carte. Vedremo cose molto interessanti.

L’articolo si conclude qui, alla prossima giocatori: buon gioco!

Commenti


immagine-profilo

Marco Grande Arbitro

Fondatore e caporedattore del blog nerd/geek/pop GiocoMagazzino. Blogger (da 12 anni), podcaster e youtuber. Sono un appassionato di giochi da tavolo, in particolare prediligo i giochi di carte. Una passione iniziata, e che continua, con Magic the Gathering! Per il resto, sono laureato in Scienze dell'Educazione (educatore professionale). Sono un collezionista di Funko Pop, adoro il cinema e la buona musica.

I commenti sono chiusi.