ECOSYSTEM: Il Gioco Da Tavolo Più Ecologico Che C’è!

L’ecosistema è così fragile e tocca a noi proteggerlo. Grazie alle nostre abilità uniche, una buona strategia ed un pizzico di fortuna riusciremo a ripulire l’ambiente…si spera!

PANORAMICA GENERALE

Ecosystem è un gioco collaborativo per 2/4 giocatori, ideato da Francesco Berardi ed edito da Clementoni.

In questo gioco, i giocatori dovranno organizzarsi per rimuovere tutto l’inquinamento presente in città, nel bosco e nel mare.

L’ecosistema è così fragile e tocca a noi proteggerlo. Grazie alle nostre abilità uniche, una buona strategia ed un pizzico di fortuna riusciremo a ripulire l’ambiente.

Vediamolo più da vicino!

 

MATERIALI

Nella scatola troviamo:

  • 4 Pedine di Legno
  • 24 Foglie di Legno
  • 1 Dado di Legno
  • 3 Contatori Ottagonali in Legno
  • 20 Carte Bonus
  • 46 Carte Evento
  • 12 Tessere Personaggio
  • 6 Tessere Ecosistema
  • 1 Plancia Inquinamento
  • 1 Plancia Riserva a forma di Foglia
  • 24 Gettoni inquinamento

Alcuni dei componenti della scatola

Una menzione speciale va sicuramente ai materiali che coesistono in perfetta armonia con lo spirito del gioco.

Infatti il gioco è interamente plastic-free, non c’è nemmeno il consueto rivestimento di plastica attorno alla scatola.

La scatola si apre in modo intelligente e caratteristico, al suo interno poi ci sono dei sacchetti di carta piccoli per contenere i vari pezzi e tutto è fatto con materiali riciclati e riciclabili.

Questo gioco fa parte della linea PLAY FOR FUTURE, che adotta tutte queste accortezze nella loro realizzazione.

Come aprire per la prima volta una scatola di Ecosystem

 

PREPARAZIONE

Per prima cosa posizionate il tabellone al centro del tavolo e poi sopra di esso posizionate i gettoni inquinamento coperti nelle caselle bianche e scoperti in quelle rosse.

Mettete i contatori all’inizio dei tracciati ecosistema presenti sulla destra e scegliete casualmente 3 tessere ecosistema (malus) per riempire i rettangoli vuoti.

Ogni giocatore poi scegli un colore, prende la relativa pedina che posiziona sulla piazza (casella gialla), sceglie una tessera personaggio tra le 3 disponibili del suo colore in base all’abilità che vuole ottenere ed infine pesca 3 carte bonus.

Tutto è pronto per giocare!

Ciascun giocatore avrà 3 abilità tra cui scegliere

 

REGOLAMENTO

A partire dal primo giocatore, ciascuno effettua il suo turno.

Un turno è diviso in 4 fasi:

  • Movimento
  • Giocare una Carta Bonus
  • Provare a rimuovere Inquinamento
  • Carta Evento

Movimento

In questa fase è possibile spostare la propria pedina fino ad un massimo di 2 caselle, seguendo le linee bianche.

Se ci si ferma su una casella con il gettone inquinamento coperto allora dovremmo girarlo.

Esempio di movimento.

Giocare una Carta Bonus

Solo in questa fase è possibile giocare questo tipo di carta che ci aiuterà durante il gioco. Si applica subito l’effetto e poi si scarta.

L’effetto può essere quello di posizionare foglie (utili per la prossima fase), aumentare il risultato del dado, arretrare i contatori dei tracciati ecosistema o spostarsi in modo più agile.

Dopo aver usato la carta se ne pesca una nuova e quando il mazzo finisce NON si rimescolano gli scarti, semplicemente non se ne pescheranno più di nuove.

 

Provare a rimuovere Inquinamento

Se ci siamo fermato su una casella con un gettone inquinamento, potremmo provare a toglierlo.

I gettoni hanno un valore che va da 3 a 8. Per togliere il gettone si lancia il dado a sei facce. Se il risultato è uguale o superiore al valore del gettone allora lo possiamo togliere e metterlo  sulla plancia inquinamento.

Ma non pensate che sia solo fortuna, infatti per ogni foglia piazzata su quel luogo (grazie alle carte bonus) aumenteremo di uno il risultato del dado e se in quella casella c’è un’altra pedina, anche quel giocatore dovrà lanciare il dado e sommare il suo risultato al nostro. L’unione fa la forza!

Il giocatore rosso totalizza 5 e quello blu 4 per un totale di 9. Il gettone è stato rimosso con successo!

 

Carta Evento

Alla fine dobbiamo girare la prima carta del mazzo eventi, quasi sempre negativi.

Le carte ci possono far scoprire un gettone inquinamento di una determinata casella, se coperto lo si girerà aumentando il rischio di far avanzare il relativo tracciato se invece è già scoperto il relativo contatore avanza di una casella.

Infatti il tabellone è suddiviso in 3 aree con le relative caselle: bosco, città e mare.

Generalmente però queste carte faranno avanzare i contatori in base al numero di gettoni scoperti nelle relative aree, quindi girare gettoni e non toglierli ci porterà ad inquinare maggiormente, in un effetto a catena devastante… proprio come nella realtà.

Sui tracciati ci sono 3 step che ogni qualvolta verranno raggiunti o sorpassati da un contatore attiveranno il loro effetto negativo, tipo rimettere sul tabellone l’ultimo gettone inquinamento tolto, girare una carta evento aggiuntiva, avanzare ulteriormente i contatori ecc.. ecc..

 

FINE DEL GIOCO

Se i giocatori riescono a togliere tutti i gettoni dal tabellone vincono la partita se invece anche un solo contatore arriva sull’ultima casella del tracciato allora tutti perdono istantaneamente.

 

CONSIDERAZONI FINALI

A me personalmente, i giochi cooperativi piacciono molto.

Organizzarsi per portare a termine un compito comune è divertente e stimolante.

Ecosystem incarna pienamente queste caratteristiche, tenendo come denominatore comune l’amore per l’ambiente e il suo fragile equilibrio.

Rimanere uniti e dipendere il meno possibile dalla fortuna è si più lento ma darà risultati più certi e concreti ma è anche vero che i contatori sono inesorabili, soprattutto ad inizio partita.

Le abilità sono fondamentali: C’è chi si muove più velocemente, chi può riprendere carte bonus scartate e molto altro.

In due giocatori è un po’ più sfidante perchè la mappa da coprire è sempre la stessa ma anche in caso di sconfitta riesce a non risultate frustrante.

Un po’ di fortuna c’è col dado e con la pesca delle carte ma visto il target e il tipo di gioco non stride, anzi rende diversa ogni partita.

Ho apprezzato moltissimo i materiali e i sacchettini di carta sono davvero carini, ora li vorrei in tutti i giochi.

Il livello di difficoltà poi è modulabile con le varianti presenti a fine regolamento.

Ecosystem mi ha davvero sorpreso positivamente, ha preso delle meccaniche ben solide di giochi noti nel mondo ludico e le ha rese adatte anche al grande pubblico.

Lo vedo come un perfetto gioco da fare in famiglia, incentiva la collaborazione e la consapevolezza sull’ambiente che ci circonda, senza risultare però lezioso o pesante.

Consigliato!

ECOSYSTEM

8.2

VOTO

8.2/10
SEGUICI anche su Facebook e Instagram

immagine-profilo

Stefano Stievano

Mi sono avvicinato a questo mondo fin da piccolo ma solo da qualche anno ho deciso di accostarmi in maniera diversa ai giochi da tavolo. Dopo aver creato qualche prototipo, inventato cene con delitto, costretto i miei amici a fare da cavie tra giochi, quiz tv e quant'altro ho deciso da un po' di tempo di unire la passione per la scrittura e quella dei giochi da tavolo. Mi piace raccontare me stesso attraverso loro, le mie esperienze, i miei amici, la mia vita e la mia quotidianità. I miei giochi preferiti sono quelli tematici o deduttivi, meglio se con un pizzico di bluff e con ruoli segreti... ma difficile scegliere una categoria.... Spero un giorno di riuscire a coinvolgere il maggior numero di persone possibile dentro al nostro folle e divertente mondo. Buon viaggio!

I commenti sono chiusi.