Il ritorno del Mega-dungeon Rappan Athuk con un Kickstarter

Un nuovo Kickstarter riporta in vita il nonno di tutti i Mega-dungeon con il ritorno alla quinta edizione Dungeons & Dragons

Da pochi giorni Frog God Games ha annunciato il ritorno di Rappan Athuk, un popolare megadungeon originariamente creato da Bill Webb negli anni ’70. Rappan Athuk è adatto agli avventurieri che non vogliono altro che una grande, anche se i giocatori che osano esplorare questo dungeon dovrebbero aspettarsi di perdere una tonnellata di personaggi nelle sue pericolose sale.

Rappan Athuk è conosciuto come “il nonno di tutti i Mega-dungeon“, un dungeon quasi impossibile da battere con oltre 50 livelli diversi. Le origini di Rappan Athuk risalgono alla versione originale di Dungeons & Dragons, ma non è stato pubblicato ufficialmente per Dungeons & Dragons fino al 2000 come prodotto di terze parti . Nel corso del tempo, Frog God Games ha aggiunto ancora più piani e più sfide e alla fine ha convertito il dungeon per l’uso in Pathfinder, gioco di ruolo competitor di Dungeons & Dragons.

La nuova versione di Rappan Athuk è assolutamente ricca di sfide e sorprese di ogni genere. Non solo il dungeon stesso ha 56 livelli diversi (alcuni dei quali sono così enormi, sembrano regioni geografiche invece delle normali mappe dei dungeon), ma contiene anche dozzine di aree selvagge che circondano gli ingressi dei sotterranei, oltre a dungeon satelliti (contenenti un ulteriore 20 livelli da esplorare per gli avventurieri) e persino un nuovo castello.

Rappan Athuk ha anche un personaggio iconico di D&D come boss finale, il Demon Lord Orcus. L’orco è uno dei più pericolosi personaggi in Dungeons & Dragons, un potente demone secondo solo al terrore Demogorgon.

Per accaparrarsi questa chicca ci sono diverse opzioni più economiche o molto dispendiose, per tutti i dettagli vi invitiamo a visitare la pagina del Kickstarter, che in qualche giorno ha superato il suo obiettivo di 24.000 euro collezionandone più del doppio (e nel momento in cui vi scriviamo mancano ancora ben 27 giorni)

Commenti


I commenti sono chiusi.

Leggi articolo precedente:
Recensione Take That: che fortuna giocare le carte a specchio!

Sarà un incubo dover prelevare tutta la fila, ma proviamo ad ottenere punti bonus con le prese delle golose carte...

Chiudi