Recensione Xiaomi Redmi Note 4x: Un altro “must have” di casa Xiaomi

Lo Xiaomi Redmi Note 4x è la versione rivista e migliorata del Note 4, che come tradizione di Xioami, abbina buona qualità a prezzi contenutissimi.

Da poco giunto qui in redazione, lo  Xiaomi Redmi Note 4x è una versione rivista e corretta dello  Xiaomi Redmi Note 4, in questa recensione ci concentreremo soprattutto sulle migliorie che rendono questo dispositivo ancora più conveniente nell’acquisto.

Specifiche hardware:

  • CPU: Qualcomm Snapdragon 625 Octa-core 2.0 GHz Cortex-A53;
  • GPU: Adreno 506;
  • RAM: 3 GB (esiste una versione anche a 4GB)
  • Archiviazione: 32 GB (esiste una versione anche con 64GB);
  • Fotocamera: Principale da 13 MP f/2.0 – Interna da 5 MP f/2.0;
  • Batteria: 4100 mAh;
  • Slot: 2 nano SIM (o in alternativa lo slot per una micro SD);
  • Display: 5.5 pollici;

Confezione e Accessori  (voto 6.5)

Come siamo ormai abituati nella tradizione Xiaomi, la confezione è veramente spartana, al suo interno troviamo un caricatore, un cavo USB/Micro USB e una graffetta per rimuovere il vano sim.

Il poco materiale presente è rigorosamente in cinese, e anche il caricatore avrà bisogno di un acquisto separato di un adattatore da presa cinese a presa europea, infine come sempre non troveremo inclusa nessuna cuffia auricolare.

Design e Materiali (voto 8)

Il design lo trovo fantastico, decisamente migliorato rispetto allo Xiaomi Redmi Note 3 che avevo recensito prima di questo, i materiali sono solidi e piacevoli al tatto, Il display da 5.5 pollici ha buoni colori, buona luminosità e ottimi angoli di visione, mentre il touch presenta una sensibilità pressoché perfetta.

Sul dorso del telefono troviamo il lettore di impronte digitali, rapido e preciso come per i modelli precedenti, mentre sul bordo inferiore troviamo la cassa audio che rispetto ai precedenti modelli (Note 2 e 3) non è più nella parte posteriore.

La differenza con il Note 4 è principalmente il cambio di processore che da Mediatek passa a Qualcomm Snapdragon 625 che come vedremo si traduce in un consumo ottimizzato.

Processore (voto 8)

Lo Xiaomi Redmi Note 4 monta un Qualcomm Snapdragon 625 Octa-core 2.0 GHz Cortex-A53, nel dispositivo in dotazione avevamo la versione da 3GB di RAM e 32GB.

il processore è un fascia media dalle ottime performance, mi fa solamente strano che il Redmi Note 3 pro, uscito tempo prima, monta un 650 leggermente superiore, mi sarei aspettato da questa versione un processore uguale o migliore di una versione precedente.

Display (voto 9)

Il display è da 5.5 pollici in Full HD con risoluzione 1920 x 1080 pixel e tecnologia LED IPS, ma questo aspetto l’ho trovato ben fatto anche in quasi tutti i precedenti Xiaomi su cui ho messo le mani.

 

Software (voto 10)

Ok, sono di parte, ma posso dirlo io la MIUI la amo! Un sistema stabile, sempre aggiornato e pieno di novità, che presenta anche un bel livello estetico, possibile desiderare di più?

Trovo eccezionale anche che questo 4X abbia già a disposizione una Global Stabile in Italiano che rende finalmente accessibile a tutti (anche non smanettoni) questo dispositivo.

Nella mia versione ho provato la 8.1.15.0 stabile, basata su Android 6.0.1, ma il dispositivo rientra tranquillamente tra quelli che verranno aggiornati alla versione Android 7

Fotocamera (voto 7.5)

Rispetto al modello 4, questo 4x non presenta una fotocamera diversa, abbiamo dunque una fotocamera posteriore di fascia media  13 megapixel con apertura ƒ/2.0, in condizioni di buona luminosità le foto si presentano buone e dettagliate, il problema sorge al calare delle tenebre, ma i risultati tutto sommato sono discreti anche li.

Nella parte frontale un altrettanto discreta fotocamera frontale da 5 Megapixel con una focale da 2.0

 

Batteria (voto 10)

Purtroppo non posso mettere 11, perchè i voti arrivano a 10, ma vi assicuro che grazie anche all’adozione dello Snapdragon, avremo anche 2 giorni di autonomia, con un utilizzo medio, quasi il doppio della versione Mediatek, l’unico difetto (per quanto mi riguarda) è il non avere la possibilità di rimuovere ed eventualmente sostituire la batteria in caso di problemi.

Prezzo (voto 8)

Mi sono quasi stufato di scrivere questo per ogni dispositivo Xiaomi che capita tra le mie mani, avendo provato solo quelli di fascia media, mi domando come possano le persone acquistare terminali ben meno preformanti a prezzi ben più alti, ma non ho trovato ancora la risposta.

SEGUICI anche su Facebook e Instagram

I commenti sono chiusi.