Recensione TooMuch: Non il solito Taboo!

Eravamo molto curiosi di provare TooMuch il gioco di Dario Massa, un giovane e promette autore di giochi da tavolo.

TooMuch è un Party Game per 4-16 giocatori (da dividere in 2-4 squadre) dai 12 anni in su con una durata di partita dichiarata di 30-45 minuti (molto dipenderà dal numero di giocatori).

Contenuto
Nella scatola troveremo:
140 carte Parola
60 Carte Restrizione
19 Carte Punti
1 Carta Squadra Iniziale
1 Clessidra da 30 secondi
1 Regolamento

Il Gioco
Il meccanismo è quello classico di dover far indovinare una parola alla propria squadra. Ad ogni turno, infatti, un giocatore avrà il compito di far indovinare alla propria squadra, utilizzando il tempo dettato dalla clessidra (30 secondi).
Dovrà fare questo rispettando delle “Restrizioni” dettate dalle relative carte, che si accumuleranno turno dopo turno.

Quando l’oratore scoprirà la carta da far indovinare alla propria squadra, potrà anche scegliere il livello di difficoltà della parola e in base a questa si vedrà assegnato 1 punto o 2 punti.
Una volta indovinata la parola, la squadra dovrà anche decidere se convertire le restrizioni accumulate in punti oppure tenerle, più si attende prima di cambiarle maggiore sarà il punteggio ottenuto quando si deciderà di farlo.
con 5 e 6 carte ad esempio si otterranno 9 e 14 punti nel caso di 3 carte solo 2.
Queste scelte e gli azzardi determineranno, la vittoria o la sconfitta in una partita.

Nel caso invece ci sia un fallimento, cioè non si indovina la parola nei 30 secondi o si commette un infrazione, allora perderemo tutte le carte restrizione senza ottenere più un punto.

La partita può terminare quando:
Una squadra prende la sua carta punti numero 4, con le altre squadre che hanno tutte un’ulteriore turno
Un Oratore esaurisce il mazzo delle Restrizioni, e a questo punto tutte le squadre che hanno turni in meno completano giocandone un’altro.

Il vincitore viene determinato sommando ogni carta parola che vale 1 punto, più il valore in punti indicato su ogni parola, più la carta iniziale che vale 2 punti.

Conclusione
Il gioco è divertente, e anche se si tratta di un classico dalle meccaniche già viste, c’è comunque qualche elemento di originalità.

Il meccanismo delle Restrizioni rappresentano oltre che un livello di difficoltà anche un’azzardo e un rischio: Meglio rischiare e cercare di prendere il massimo o accontentarsi di pochi punti restrizione?

Il gioco è immediato, facile da spiegare, e divertente, l’interazione tra giocatori è presente, scala molto bene (anche se lo preferisco caciarone), la fortuna è presente ma non è determinante.

I Materiali (soprattutto le carte) lasciano un po a desiderare, ma non è di certo un elemento determinante per la scelta di un party game come questo.

Che dire, il titolo ideale per chi vuole finalmente riporre in soffitta il vecchio e classico Taboo.

Facciamo i complimenti a Dario Massa e Move The Game per questo gioco.

Prezzo: EUR 16,51

Commenti


I commenti sono chiusi.

Leggi articolo precedente:
Richard K. Morgan ospite al Trieste Science+Fiction Festival

L’autore britannico, famoso in tutto il mondo per i suoi romanzi distopici e cyberpunk, sarà presente alla manifestazione triestina in...

Chiudi