Recensione Outlive: Una corsa contro il tempo, per salvare la propria tribù

Outlive è un gioco di “sopravvivenza” distribuito da Raven Distribution in cui vestiremo i panni di eroi che cercheranno di assicurare un futuro alla propria tribù in uno scenario post-apocalittico.

In Outlive ci troveremo nei panni di tribù sopravvissute ad un recente olocausto nucleare.
Il tuo rifugio sta ancora resistendo, ma per quanto potrà durare ancora? Avrai 6 giorni (6 turni di gioco) prima che arrivi il Convoglio e solo la tribù che avrà dimostrato il proprio valore potrà unirsi a questa organizzazione.

Sarà una corsa contro il tempo per raccogliere risorse e provare al Convoglio di essere degni, perché la sopravvivenza della vostra tribù dipende proprio da questo.

Per dimostrare il vostro valore, dovrete mandare degli eroi in superficie per raccogliere risorse per riparare i rifugi danneggiati e cibo per sfamare i sopravvissuti, dovrete inoltre recuperare e riparare gli equipaggiamento che vi aiuteranno a difendervi e velocizzare i vostri lavori.

Tutto ciò che farete vi farà guadagnare punti sopravvivenza che vi garantiranno all’arrivo del Convoglio di fuggire da questo inferno e provare ad avere un futuro.

Componenti:

  • 1 Plancia di gioco
  • 1 Plancia del convoglio
  • 4 Plance rifugio
  • 16 Meeple (4 di ogni colore)
  • 4 livelli di radioattività
  • 100 segnalini sopravvisuto
  • 30 segnalini legno
  • 30 segnalini metallo
  • 30 segnalini carne
  • 30 segnalini acqua
  • 30 segnalini microchip
  • 30 segnalini cibo in scatola
  • 30 segnalini munizione
  • 30 segnalini tessere selvaggina
  • 12 carte evento
  • 12 carte leader
  • 20 tessere ricerca
  • 40 tessere equipaggiamento
  • 12 tessere stanza standard
  • 38 tessere stanza avanzate
  • 1 segnalino alghe anti-radiazioni
  • 1 segnalino primo giocatore

Tanta roba, tutta di buana qualità e ottimamente illustrata.

Il Gioco:

Il gioco scorre lungo 6 turni, in ogni turno abbiamo una divisione in 3 fasi: Alba, Giorno, Notte
Ogni giocatore ha a disposizioni 4 eroi con punti Forza differenti, con un valore che va da 3 a 5 e che rappresenteranno il numero di azioni che quell’eroe può compiere.
Fase Alba
Rappresenta la fase in cui la pancia viene rifornita di tutte le risorse previste ad inizio turno, che cambiano in base al numero di partecipanti al gioco
Fase Giorno
Questa fase si divide a sua volta in diverse parti:
  1. Inizio della giornata: Dovremo scoprire una carta evento corrispondente al turno previsto sulla plancia del convoglio e applicarne l’effetto
  2. Movimento: A turno i giocatori muoveranno i proprie eroi che potranno recarsi in diverse zone della plancia per compiere diverse azioni, ad esempio:
    • Nella Base Militare, possono raccogliere munizioni o alghe anti radiazioni
    • Nella Foresta possono raccogliere legna
    • Nella Miniera possono raccogliere metallo
    • Nel Luna Park possono raccogliere dei microchip
    • Nella Nave possiamo trovare del cibo in scatola ma anche dei sopravvissuti da reclutare che possono cambiare l’ordine di gioco
    • Alla diga è possibile raccogliere l’acqua
    • Possiamo recarci anche nelle città di BlackWood o Silent Park per esplorarle e recuperare equipaggiamento o tessere ricerca
Fase Notte
Anche questa fase è divisa in diverse parti:
  1. Ogni giocatore al proprio turno può provare a “superare un evento” cioè cercare ad esempio provare a spegnere un incendio che richiede 3 segnalini acqua, l’evento riduce la riserva del legno presente nella foresta, per cui spegnerlo può aiutare il giocatore nel proseguimento del gioco.
  2.  Ogni giocatore dovrà “nutrire i sopravvissuti” il cui costo viene indicato nella stanza che occupano nel rifugio
  3.  Un altro punto di questa fase è “gestire la radioattività” che ad ogni turno aumenta, i giocatori dovranno dunque tenere i sopravvissuti rinchiusi nella camera stagna per assicurarsi che sia sigillata adeguatamente. Per ogni sopravvissuto presente riusciremo a prevenire 1 punto radioattività.
  4. In questa fase possiamo anche “reclutare nuovi sopravvisuti” spendendo delle provviste, non sarà però mai possibile reclutare più sopravvissuti di quanti riesca a contenerne la nostra camera stagna.
  5. Possiamo anche “costruire stanze o attivarne le abilità“, dove spendendo legno, metallo e microchip potremo costruirla e invece riempiendola di sopravvissuti potremmo attivarne le abilità.
  6. Potremmo anche “riparare l’equipaggiamento” pagandone il costo previsto. Questo ci consentirà di raccogliere più materiali  utilizzandoli
  7. In fine dovremmo occuparci della manutenzione del rifugio, che consiste nello scartare tutto il cibo che non può essere conservato, tutta l’acqua tranne 2 segnalini.

Fase finale

Alla fine del sesto turno il giocatore con più punti sopravvivenza (che si calcola in base ad eventi superati, stanze costruite, equipaggiamenti riparati, sopravvissuti e così via) si unirà al Convoglio per godersi la sicurezza e le meraviglie delle sue colonie sottomarine.

Conclusioni
Ci siamo molto divertiti a giocare ad Outlive, Il gioco ha un buon livello di difficoltà (ma una buona curva di apprendimento) che non consente a nessuno di essere rilassato e non pensare la propria mossa. Questo offre una tensione costante che ci fa calare immediatamente nell’ambientazione post nucleare e di sopravvivenza.
Siamo, per ora, con poche partite all’attivò, ma sembrerebbe che ci siano abbastanza combinazioni di stanze e carte per offrire varietà nella partita, anche se le strategie vincenti sono necessariamente limitate.
Outlive
Giocatori: 2-4
Durata: 110 minuti
Autore: Grégory Oliver

Outlive

Outlive
7

Voto

7.0 /10

Pros

  • Ambientazione ottimamente rappresentata
  • Poca incidenza della fortuna

Cons

  • Probabilmente le "strategie vincenti" potrebbero essere limitate numericamente

Commenti


I commenti sono chiusi.

Leggi articolo precedente:
Tutte le novità di Tin Hat Games alla Play di Modena 2018

Allo stand Tin Hat Games per tutta la durata di Play 2018 sarà possibile provare diversi giochi e novità, in...

Chiudi