GARDEN GUERRILLA: Quando il tuo giardino diventa il Vietnam!

Un wargame mascherato da filler che vi mette a dura prova, non con la strategia ma con le vostre abilità entrando direttamente nel vivo.

“Mi piace l’odore dell’edera di mattina.
Una volta una collina la bombardammo per dodici ore e, finita l’azione, andai lì sopra.
Non ci trovammo più nessuno, neanche un lurido cadavere di Cavallet.
Ma quell’odore… si sentiva quell’odore di clorofilla.
Tutta la collina odorava di… di vittoria. Prima o poi questa guerra finirà”
[Apocalipse Now?]

Probabilmente non era proprio cosi, ma è per entrare nel vivo dell’argomento.

PANORAMICA
In Garden Guerrilla comanderemo un battaglione di 10 insetti che si combatteranno per rivendicare il proprio spazio vitale all’interno del giardino sotto casa.
Fossi in voi non mi metterei in mezzo, magari qualche cavalletta potrebbe saltarvi addosso come kamikaze!
Lo scopo del gioco è quello di catturare zollette di zucchero e insetti avversari per ottenere punti vittoria. Chi ha più punti a fine partita è il vincitore.
Della partita… ma non sapremo mai chi vincerà la GUERRA!

Autori: Marco Guidara e Fabrizio Tronchin
Illustratore: MaurizioFaleschini
Giocatori: 2-4
Durata: 10-20 min
Età: 8+

Edito in italia da: Dal Tenda
che ringraziamo per la copia che ci ha fornito per potervene parlare.

SETUP E GAMEPLAY

Assemblate gli elementi di gioco presenti nella scatola e, in base al numero di giocatori, posizionateli al centro del tavolo insieme alle carte Nemico Naturale.
Sopra ogni elemento Fungo va posizionata una carta zolletta.

Ogni giocatore prenderà il suo mazzetto di carte che rappresenterà la sua armata di gioco. Si mescola il mazzo e si pescano 5 carte,
le restanti carte si mettono coperte ad un lato e saranno utilizzate nel secondo round.

Ultima nozione per dare un’esperienza di gioco migliore, posizionatevi in piedi ad almeno 50cm di distanza dal tavolo, in questo gioco l’abilità di mano è fondamentale.

Setup completato, si passa al Gameplay!

Non fatevi ingannare dall’aspetto cartoon e dalle prime impressioni, perchè qui signori ci ritroviamo in un vero e proprio wargame!
Molto più leggero e casinista, ma pur sempre un wargame.

Infatti le regole di Garden Guerrilla sono veramente poche: Lanciare le carte come richiesto dalla vostra carta insetto e risolverne gli effetti. La particolarità sta nel modo in cui dovrete lanciare le carte.
Lanciare le carte? Si, esatto, per questo è consigliato giocarlo in piedi e a 50cm dal tavolo perchè le carte avranno successi e fallimenti in base a come posizionerete le carte sul tavolo in tre modi:

LANCIO ROTANTE:

Si lancia la carta facendola ruotare ed il lancio dovrà partire sempre fuori dal perimetro del tavolo,
facendogli compiere almeno un giro di 360°.

CADUTA DALL’ALTO:

Si fa cadere la carta sul tavolo tenendo il braccio perfettamente perpendicolare al tuo corpo e al tavolo.

PIAZZAMENTO SICURO:

Si posiziona la carta con la mano come meglio si preferisce, facendo attenzione però a non spostare le altre carte presenti in gioco.

Se una carta insetto cade a faccia in giù sul tavolo, non si attiverà alcun effetto e sarà bersaglio dei vostri nemici.
Mentre se con la “Caduta dall’alto” la carta cadrà a terra, fuori dal tavolo, andrà messa nel proprio bottino e verrà contata come penalità e quindi come punto negativo.

Ogni carta insetto ha un suo effetto speciale che va a condizionare il modo in cui catturare gli insetti avversari, ed è qui che la meccanica di gioco prende molto spunto dai più classici wargame come Warhammer dato che ci si basa sempre sul seguire una linea immaginaria che va a colpire la carta avversaria.

Alcuni esempi:

LADYGUN (La Coccinella)
Traccia linee perpendicolari dai suoi mirini e colpisce la prima carta nemica che incontra.
I cespugli ed i funghi le ostruiscono la visibilità.

RAMBEE (La Vespa)
Ha due effetti: Il primo è lo stesso di Ladygun.
Il secondo invece è che colpisce tutte le carte nemiche che coprono Rambee lungo il corso della partita.

LASERFLY (La Formica Volante)
Traccia una linea perpendicolare partendo dal suo mirino e colpisce tutte le carte nemiche lungo la linea tracciata.

Insomma ogni insetto presente nella nostra armata è un vero e proprio soldato che è pronto a morire per difendere il proprio territorio.

Infine al momento in cui si risolveranno gli attacchi, se saranno andati a buon fine,
gli insetti nemici catturati andranno messi nella pila del bottino affianco a voi.
Oltretutto cosa molto importante, non è presente il “Fuoco Amico”, quindi se si andranno a colpire insetti alleati questi non verranno penalizzati.

Finite poi le prime 5 carte iniziali, si prenderanno le 5 rimanenti messe da parte ad inizio partita e si darà il via al secondo round.

Alla fine di tutto si passerà al conteggio dei feriti, ehm.. dei punti.
Ovviamente chi ha totalizzato più cicatrici, o meglio, punti è dichiarato il Vincitore!

Della battaglia… ma non della GUERRA!


CONSIDERAZIONI FINALI / PERSONALI

Devo dire che Garden Guerrilla parte in sordina ma poi a lungo andare può regalarti veramente delle belle esperienze di divertimento.
Dall’aspetto Filler ma dall’animo di un Wargame puro, il tracciato della traiettoria dai mirini degli insetti fusa alla meccanica di lancio delle carte,
rende il tutto più “piccante” e al tempo stesso divertente.

Si rosicherà per tutte le carte cascate a faccia in giù che saranno poi bersagli facili dei nostri nemici, si esulterà quando un lancio è riuscito bene e si può attuare una mini strategia.
Insomma tutto quello che promette Garden Guerrilla lo mantiene;
è un’ottima alternativa ad un pre serata prima di tuffarvi con le vostre miniature di Warhammer ed immergervi in 3-4 ore (o di più, dipende da voi) di gioco ininterrotte in modo da rompere il ghiaccio un po’ prima, perchè rispetta a pieno i 10/20 minuti di gamplay dettati dalla scatola. A meno che, non vogliate farvi prendere la mano e giocare più partite consecutive.

Il gioco poi è veramente ben ambientato e caratterizzato, se ci si immerge nella vera e propria guerriglia di insetti, grazie anche alle bellissime illustrazioni, ci si può anche immedesimare in uno dei nostri soldati in gioco.

Unico neo che ho trovato è che magari sarebbe stato bello avere anche più personaggi nel proprio mazzo in modo sia da allungare la partita ma anche per avere più colpi di scena al tavolo con magari degli insetti speciali che funzionino da attacchi Jolly o Kamikaze che fanno danni ma togliendo qualcosa anche a chi lo gioca.

Non so, magari si potrà vedere in futuro qualche espansione? Non lo escluderei, credo veramente che il gioco si presti a dei buoni ampliamenti.

Il suo prezzo è più che giusto dato quello che offre la scatola, ovvero un mazzo di carte e degli elementi di gioco 3D da assemblare in modo da avere un vero e proprio campo di battaglia.
E direi che 25€ è onesto.

7

VOTO

7.0/10

Pros

  • Dall'aspetto semplice ma dalla grande profondità
  • Ottimo Filler/Wargame
  • Prezzo onesto
  • Adatto a tutti

Cons

  • Mancanza totale di strategia
SEGUICI anche su Facebook e Instagram

immagine-profilo

Fabio Molinari

Ciao! Sono Fabio, sono nato in un caldissimo Agosto del 1991, sono abruzzese e sono un fotografo, videomaker, grafico... insomma, diciamo che sono un creativo e mi occupo di qualsiasi cosa abbia a che fare con la comunicazione visiva da circa 8 anni. Sono un collezionista di film, amo il caffè, sono appassionato di cinema, musica e giochi da tavolo, colleziono anche loro ovviamente, da circa 4 anni. Insomma, si può dire che ho tutte le carte in regola per essere un piccolo nerd del nuovo millennio, di sicuro la mia infanzia è stata fatale per quelle che oggi sono le mie passioni, ho smagnetizzato le VHS dei Ghostbusters e di Space Jam. Ho rovinato una plancia di un Risiko facendoci cascare sopra l'aranciata, giocavo a Magic e scambiavo carte dei Pokèmon. Beh non credo di avere abbastanza spazio da potervi dire tutto quello che combinavo da ragazzino, ma credo che una piccola idea ve la siete fatta e spero di avervi trasmesso un po' di simpatia. Un abbraccio, Fabio

I commenti sono chiusi.