GiochiAmo a Everdell: per essere trasportati in un regno incantato e vivere un incredibile anno di storie del bosco!

Everdell un coinvolgente gioco di carte e gestione risorse, che ci calerà nei panni degli abitanti del bosco, per sviluppare la civiltà più prospera

EDITORE:

Asmodee Italia

GIOCATORI:

Da 2 a 4

DURATA:

Dai 40 agli 80 minuti

AMBIENTAZIONE:

In Everdell si viene trasportati in un mondo fantastico, che sorge ai piedi di un albero eterno.

Noi dovremo impegnarci per far fiorire e prosperare la nostra civiltà animale, combinando al meglio nuovi luoghi da costruire, personaggi fantastici da incontrare ed eventi da ospitare. Pronti per un anno impegnativo?

PREPARAZIONE:

Ogni giocatore veste i panni del leader di una specie tra porcospino, topo bianco, tartaruga e scoiattolo e prende i sei lavoratori corrispondenti.

All’inizio solo due saranno attivi e gli altri si otterranno via via nel corso della partita.

Una volta stabilito il primo giocatore, questo pesca una mano di cinque carte, il secondo ne prende sei, e così a crescere. Con queste ognuno inizierà a pianificare la propria strategia, ma attenzione perché durante il gioco non si potrà mai superare il limite di otto carte in mano.

Non ci resta che preparare il tabellone, per prima cosa posizioniamo l’albero a dominare la valle e tra i suoi rami più alti posizioniamo i meeple dei giocatori: uno sullo spazio primavera, un altro sull’estate e due sull’autunno.

Sui rami più bassi giriamo casualmente quattro carte evento speciale, grazie alle quali, rispettandone le condizioni e schierandoci un lavoratore, potremo ottenere dei benefici, solitamente punti.

Ai suoi piedi troviamo quattro spazi per altrettanti eventi base e li copriamo con le tessere corrispondenti.

Sotto il fiume ci sono gli spazi delle risorse e li andiamo a riempire con rametti, resina, pietre e bacche, accumulandole potremo costruire la nostra città, carta dopo carta.

Ai lati, tra la boscaglia, andiamo a posizionare casualmente le carte foresta indicate per il numero di giocatori. Di queste ce ne sono diversi tipi, alcune ci danno la possibilità di ottenere risorse, altre carte oppure ci fanno compiere azioni speciali, sono fondamentali per definire le strategie e influenzano profondamente l’andamento e le scelte di gioco.

Non ci resta che preparare l’offerta di carte iniziale, mescolando bene il mazzo e piazzando a faccia in su due file da quattro sul prato centrale.

L’ inverno è ormai giunto e…

SI PARTE CON LA SFIDA:

che ci vedrà impegnati per un anno intero.

Ad ogni turno i giocatori potranno compiere un’azione a scelta tra collocare un lavoratore, giocare una carta o prepararsi per la stagione.

Si può collocare un lavoratore in una delle zone disponibili, a scelta tra:

gli otto luoghi base, in cui principalmente possiamo raccogliere risorse e pescare carte;

sulle carte foresta, che generalmente offrono effetti più potenti;

sugli eventi base e speciali, che possono essere realizzati solo una volta, soddisfacendone le richieste;

infine in basso abbiamo altri spazi, in cui recarci per scartare carte in cambio di risorse o di punti.

Se invece decidiamo di giocare una carta, paghiamo il prezzo indicato e ne applichiamo il testo. Possiamo giocare una carta dalla nostra mano oppure una di quelle del prato, in questo caso dobbiamo subito rimpiazzarla girandone una dal mazzo.

Esistono vari tipi di carte, riconoscibili grazie al simbolo e al colore:

le carte verdi con il simbolo di una pianta sono quelle della produzione, con cui otteniamo risorse nel momento in cui vengono giocate e di nuovo durante la preparazione alle stagioni primavera e autunno;

le carte rosse con il simbolo di un’impronta sono quelle in cui si può collocare un lavoratore, per ottenere azioni e benefici speciali;

le pergamene di colore blu possono attivare combo di effetti giocando certi tipi di carte;

quelle con un sacchetto di viaggio color bronzo ci danno occasioni da cogliere al volo, si attivano subito ma una sola volta;

infine, in viola con il simbolo di un fiore, abbiamo le carte prosperità, che costano molte risorse ma ci ricompenseranno a fine partita con molti punti.

Le carte sono legate tra di loro, ad ogni luogo corrisponde un personaggio e una volta che un edificio fa parte della nostra città potremmo giocare gratuitamente il personaggio abbinato, per esempio con il tribunale possiamo piazzare il giudice, con la locanda il locandiere e così via.

 

Quando non avremo più lavoratori da schierare e non si possono o vogliono giocare carte sarà il momento di prepararsi per la stagione successiva.

L’effetto non si applica a tutti, i giocatori possono anche trovarsi in stagioni diverse tra loro, ognuno può seguire i suoi tempi di sviluppo.

Quando un giocatore cambia stagione riprende tutti i lavoratori schierati e applica l’effetto indicato dall’albero:

la primavera ci dà un nuovo lavoratore e la possibilità di attivare le carte verdi nella città;

l’estate, carica di frutti, ci permette di raccogliere due carte dall’offerta del prato e aggiunge un ulteriore lavoratore;

con l’autunno, l’ultima stagione a disposizione, torniamo ad attivare le carte verdi e questa volta sono ben due i lavoratori da aggiungere alla nostra schiera.

I turni si susseguono fino a quando tutti i giocatori, all’arrivo di un nuovo inverno, non avranno riempito i quindici slot disponibili.

 

IL BELLO DEL GIOCO:

Sta nello scoprire le carte una dopo l’altra e nel riuscire a combinarle al meglio per costruire la città più ricca e prospera.

 

VINCE LA PARTITA:

Chi avrà ottenuto il punteggio più alto, dato dalla somma delle singole carte, dai segnalini punti e da eventuali eventi base e speciali.

 

LE NOSTRE IDEE SUL GIOCO:

Everdell è un piacere per gli occhi, tutti gli elementi sono bellissimi: gli allegri meeple animali, la  plancia, le carte e lo scenografico albero.

E’ proprio quest’ultimo l’elemento più discusso, amato da molti, ma anche odiato. Si perché in effetti non è così pratico e soprattutto non molto resistente. Noi abbiamo provato a smontarlo dopo la prima giocata e già iniziava a subire i primi danni, così abbiamo deciso di lasciarlo montato ed è diventato parte fondamentale della nostra libreria.

Le atmosfere fiabesche sono rese molto bene e ti coinvolgono fin dalla lettura del regolamento, ma non è un gioco per bambini, almeno non solo, perché riesce a prendere davvero tutti.

E’ ben equilibrato, con una dose media di difficoltà, combo e profondità strategica.

Ogni volta, con la scelta casuale delle carte evento speciale, e soprattutto di quelle foresta, si dà un’impronta diversa alla partita, portandoci a cercare sempre nuove strategie.

Il ritmo delle partite è crescente, si parte un po’ spiazzati, con l’impressione di riuscire a fare ben poco, ma poi si entra nel vivo e le possibilità aumentano, alla fine la situazione è ribaltata e ci si ritrova a dover scegliere tra le tante cose che si vogliono fare, ma con troppo poco spazio a disposizione.

Preparatevi ad essere incantati dal mondo di Everdell, una volta arrivati non vorrete più andarvene.

SE TI PIACE  TI CONSIGLIAMO: 

Root, per continuare a vivere avventure nei boschi in modo sempre più impegnativo e competitivo.

Acquista su Magicstore.it utilizzando il nostro codice sconto HOG5%, avrai uno sconto illimitato su acquisti di Carte Singole (Magic, Pokemon o Yu-Gi-Oh!), Giochi da Tavolo e Giochi di Ruolo.
Oppure dai uno sguardo alle Offerte a Tempo su DungeonDice.it

Inoltre continua a Seguirci anche su Facebook, Instagram e Youtube

immagine-profilo

GiochiAmo con Sara e Andrea

Entrambi amanti dei giochi da tavolo,fin da bambini, ma è da pochi anni che abbiamo iniziato a fare sul serio. Galeotto fu il primo Carcassonnne, regalo di amici, e da quel momento non ci siamo più fermati, sempre alla ricerca del prossimo gioco. Dopo tante partite e tante ricerche, ci è venuta la voglia di condividere le nostre idee e giocate con chi ha la nostra stessa passione. Ci piace spaziare tra i vari generi e i nostri gusti sono in continua evoluzione: al momento io, Andrea, ho un debole per i cooperativi e i filler originali; mentre io, Sara, mi diverto con gli strategici di carte e sono sempre più attratta dagli asimmetrici. Entrambi, però, non riusciamo a resistere ai titoli con una bella grafica e un design accattivante. Platone diceva che si scopre più di una persona da un'ora di gioco che in un anno di conversazione, e noi siamo perfettamente d'accordo, non c'è modo migliore per conoscersi e condividere che il momento dei giochi!

I commenti sono chiusi.