Notizie dal Modena Play Trade 2018

Cosa bolle in pentole tra le prossime uscite delle case editrici presenti alla Play 2018?

Quest’anno il Modena Play si è “allungato”, dando vita al Modena Play Trade, un giorno dedicato alle novità delle più importanti case editrici di giochi in Italia.

Anche noi di Houseofgames.it ci siamo andati, cercando di carpire le notizie più succulente ed aggiornate del mercato italiano dei boardgames.

Purtroppo però, complice un palinsesto decisamente pieno di incontri, una macchina clonatrice difettosa ed una mancanza imbarazzante del dono di ubiquità, hanno fatto sì che il qui presente scrittore, silente portabandiera di Houseofgames.it, potesse seguire solo alcuni incontri…

Bando alle ciance, e sperando di recuperare nei prossimi giorni qualche altra novità, andando a visitare gli stand della Play, ecco cosa è stato detto ed annunciato dagli editori che ho avuto modo di incontrate oggi (venerdì 6 Aprile)…

MS EDIZIONI

Si parte subite col piede giusto, prima conferenza ed eccoci al cospetto di MS Edizioni.

La casa editrice ha reso noto che quest’anno, sebbene appena iniziato, sarà all’insegna delle novità. Si parte con un deciso cambio di passo che vedrà MS sempre più presente nelle fiere ludiche sul territorio italiano, ma non solo, oltre ai titoli presentati Modena: Pocket Mars, Carcosa (di cui potete trovare una recensione sul nostro sito), inBetween e Zombie Tsunami, MS ha annunciato di essere al lavoro per pubblicare i primi titoli realizzati da loro, non traduzioni né adattamenti quindi, ma giochi nuovi, italiani. Dei due giochi su cui stanno lavorando, uno è TOP SECRET, mentre l’altro è “Faceless”, gioco progettato dall’italianissima AlterEgo, studio creati dalla banda di CosplaYou e di cui leggerete tra poche righe non appena parlerò dei loro giochi.

Oltre a questi due titoli assai importanti per la trasformazione di MS Edizioni da “semplice” traduttore/editori di titoli esteri ad editore tutto tondo di progetti propri, Andrea Mazzolani ci ha anche mostrato i titoli di prossima uscita e che dovrebbero coprire (in linea generale) il periodo tra la Play e Lucca.

Le scatole messe sul tavolo sono tutte i titoli di ottima qualità e che faranno sicuramente la felicità di molti giocatori:

Onedeck Dungeon (e anche di questo potete trovare una recensione sempre qua), Paperback (gioco di carte con lettere per 2/5 giocatori), Paper Tales (gioco di drafting per 2/5 giocatori) e finalmente, per la prima volta in Italia nonostante sia un gioco tutto italiano (sia gli autori che l’editore originale, DEVIR) Dungeon Time (gioco di carte in tempo reale per 1/5 giocatori).

Ma la vera notizia che mi ha lasciato gongolante per tutto il resto della giornata, ci è stata data quando hanno tirato fuori la scatola di un gioco di cui cureranno l’edizione italiana, e di cui potevano finalmente parlarci…

VAST uscirà in italiano! In una edizione riveduta e corretta, ovvero con le carte aggiornate all’ultima revisione, e hanno detto che pubblicheranno tutto ciò che è uscito fino ad oggi, quindi le carte dei gobelin, le miniature e l’espansione Fearsome Foes.

Insomma, uno dei titoli più caldi di questo inizio 2018!

UPLAY

La UPlay quest’anno a Modena si presenta con titoli di una discreta taratura: da Among Us (gioco a ruoli nascosti con anima quasi da party game in cui i i giocatori dovranno far fronte ad una invasione aliena rimanendo sempre sul chi vive in quanto uno o più alieni, per l’appunto, potrebbero nascondersi in mezzo al gruppo) a Creepy Falls (german bello tosto e molto cattivo, in cui è prevista una interazione molto elevata tra i giocatori e la fortuna è decisamente poco influente, un buon titolo per perdere amicizie insomma che permette di sfidarsi tra vampiri per il dominio della città di Creepy Falls), passando per la bellissima deluxe del grande classico Principi di Firenze (davvero splendido, con le monete di metallo ispirate ai fiorini fiorentini medioevali ed una scelte di componenti da urlo), senza però tralasciare titoli più agili come The Long Road (gioco di carte incentrato sulla gestione della mano per 2/4 giocatori a tema Far West), Brethern of the Coast (gioco di bluff e spartizione del bottino per 3/6 giocatori in cui vestiremo i panni di pirati senza scrupoli pronti a tutto pur di portare a casa la quantità maggiore di dobloni) e, per finire, Go Nuts for Donuts (titolo di drafting “ a la Sushi Go” molto colorato e dai disegni super kawaii).

Anche Uplay, oltre alla presentazione dei titoli “per la Play” ci ha deliziato con un po’ di succose news freschissime!

Innanzitutto pubblicheranno in italiano Chronicles of Crime, gioco che ha ottenuto un enorme successo su kickstarter e che immerge i giocatori, grazie anche ad una app e ad un paio di occhialini che danno un’esperienza simile a quella della realtà virtuale, in indagini su vari casi che si svilupperanno tra gli elementi sul tavolo da gioco e la loro interazione con l’app sullo smartphone. Chronicles of Crime dovrebbe uscire per Lucca e, successivamente, UPlay pubblicherà anche le due espansioni (che erano stretchgoals della campagna di kickstarter).

Altro titolo nuovissimo, effettivamente ancora deve uscire anche negli USA, è il terzo capitolo della “Trilogia Proibita”, che dopo averci portato nel deserto e su un isola, ci condurrà nel cielo con “La Tempesta Proibita” il nuovo titolo di Matt Leacock. Dalle poche informazioni che hanno condiviso gli editori pare che ne La Tempesta Proibita i giocatori dovranno riparare un razzo per salvarsi e fuggire da una situazione di pericolo, ma la cosa “assurda”, o meglio, “fighissima” è che per riparare il suddetto razzo sarà necessario trovare e comporre un circuito elettrico REALMENTE FUNZIONANTE che, se costruito a dovere, farà fare al razzo dei rumori di accensione e di decollo! Non vedo l’ora di vedere immagini di questo marchingegno!

Dopo le “super novità” Play si è sbottonata anche su di un paio di ristampe che dovrebbero vedere la luce entro fine 2018.

Si parte con una versione riveduta e corretta, sia nei regolamenti che nei materiali, di Cleopatra e la Società degli Architetti di Bruno Cathala. L’autore del gioco tornerà alla scrivania per ricalibrare il regolamento mentre l’editore detto chiaramente di aspettarsi componenti e materiali extra lusso, pari, qualitativamente parlando, a quelli de I Principi di Firenze!

Altra ristampa a lungo richiesta e che è in dirittura d’arrivo è quella di Camel Cup, mentre per la ristampa di Venerdì e di Robinson Crusoe bisognerà aspettare ancora un po’ ma sono in lavorazione. Per quest’ultimo è stata confermata l’intenzione di pubblicare in Italia anche la seconda espansione, da poco annunciata dalla stessa Portal Game e a tema magico/occulto “The Lost City of Z”.

Insomma, di carne al fuoco ce ne sta tanta, non ci resta che aspettare il calendario aggiornato delle uscite.

PENDRAGON

Anche Pendragon è ben lontana da starsene con le mani in mano. Tra i titoli già annunciati, e finalmente disponibili, troviamo: Breaking Bad, gioco su licenza basato sull’omonima serie TV, per 3/8 giocatori, che conta parecchi detrattori che però manco lo hanno provato…, First Martians: Avventura sul Pianeta Rosso, gioco di Ignacy Trzewiczek (il papà di Robinson Crusoe) che offre un’esperienza ludica emozionante e “di peso” (con 6 scenari, 2 campagne legacy, 2 avventure extra) che necessita di un’app apposita già localizzata in italiano (che include, oltre agli sviluppi della storia che si andrà a giocare, anche informazioni di contorno dei vari personaggi in gioco) e che annovera un almanacco delle regole di 60 pagina, già tradotto e scaricabile dal sito di Pendragon e Looterz Rigor Mortis, party game per 2/8 giocatori e restyling a tema Kragmorthiano dell’omonimo Looterz della CMON.

Sempre in collaborazione con CMON, Pendragon farà uscire in Italia La Via del Panda, gioco strategico di piazzamento lavoratori/panda, che strizza entrambi gli occhi alla Cina e al famosissimo film d’animazione Kung-fu Panda. Nonostante questi retaggi esterofili, La Via del Panda è un gioco tutto italiano, dai creatori all’illustratore, ma la mano di CMON si vede (ed è davvero un bel vedere) nelle splendide miniature dei 12 Maestri Panda e delle decine di piccoli panda/pedoni che sono una gioia per gli occhi. Altro titolo, di dimensioni e costi decisamente più contenuti ma che sono sicuro farà la felicità degli amanti dei partygame in stile Lupus in Tabula è La Notte dei Vampiri, gioco da 6/20 giocatori con differenti scenari e regole per aumentarne la longevità.

Infine, prima di congedeasi, Pendragon ha reso noti alcuni progetti che bollono in pentola e che non sono ancora del tutto pronti. Dall’espansione di This War of Mine, che sarà composta per il 50% da materiali kickstarter e per l’altro 50% di materiale completamente nuovo, a due titolo che avrò modo di provare questa domenica Odissea e Moai del Continente Perduto.

ASMODEE

La conferenza Asmodee, per motivi contrattuali, è stata decisamente scarna di novità ed anteprime. A parte aver accennato alla pubblicazione italiana di Rory’s Story Cubes e di Lord’s of Hellas, le uniche altre informazioni che siamo riusciti a scucire sono che Asmodee porterà in Italia il catalogo della casa editrice tedesca, di giochi per bambini, Drei Hasen, e che i loro uffici stanno impazzendo per Kung Fu Zoo, gioco di destrezza in cui degli animali si sfidano in una arena colpendosi con dadi raffiguranti le varie parti del proprio corpo.

MANCALAMARO

Mancalamaro è una delle realtà editoriali del panorama ludico italiano più in rapida ascesa, complice anche il loro contratto con IELLO che li rende publisher su suolo nazionale del loro catalogo, composto da giochi di ottima fattura sia come dinamiche di gioco che come componenti. Durante la carrellata dei titoli del 2018, il responsabile di Mancalamaro ci ha mostrato, in ordine un po’ caotico: Downforce, titolo della Restoration Game che, come da tradizione, ripesca un gioco degli anni 80 e lo porta nel 2000 con una grafica vintage ed un regolamento migliorato. In questo gioco di corse e scommesse ogni giocatore ha una scuderia di F1 e dovrà cercare di far arrivare la propria vettura con un buon piazzamento, scommettendo però su tutto il podio ed ottenendo punti vittoria anche nel caso di vittoria altrui. Un gioco semplice, veloce, curatissimo e che è difficile smettere di giocare una volta incominciata la prima partita. Raids, gioco di vichinghi a metà strada tra Takenoko e Jamaica, anche qua materiali FAN-TA-STI-CI (monete in metallo, i meeple dei vichinghi sagomati…) e artwork di primissima qualità. Un gioco davvero bello, in grado di far avvicinare al tavolo da gioco anche chi gioca poco o niente. Fairy Tile, gioco family con illustrazioni meravigliose in cui vari personaggi (miniature pre-dipinte di un drago, un principe, una principessa…) vagano per un mondo che viene costruito tessera dopo tessera, cercando di completare le missioni/pagine del proprio libro. Chi ci riuscirà, oltre a vincere la partita, avrà un libretto composto da 5 carte che racconterà la storia della sua partita. Bunny Kingdom, una delle grandi attese del Modena Play. Un gioco dall’aspetto tranquillo e dalle dinamiche all’apparenza quasi banali, che però ha una profondità strategica ed una incertezza del risultato finale (dato da carte obiettivo segrete girabili solo al termine della partita) che lo rendono un gioco da giocare e rigiocare fino allo sfinimento. Sarà che è uno dei titoli che aspettavo con più ansia, ma è davvero un gioco super consigliato!

Schotten Totten, restyle in chiave cartoon/scozzese di un gioco di cui abbiamo già scritto qui su houseofgames: Battleline di Knizia. Due giocatori, uno contro l’altro, si sfidano per la conquista di 3 pietre affiancate o di 5 in totale schierando gruppi di 3 carte e cercando di ottenere una formazione più forte di quella dell’avversario. Rapido, bellicoso, semplice e sempre piacevole da giocare.

Infine, come “grossa” anteprima, Mancalamaro ha annunciato che pubblicherà 8BIT BOX, gioco con grafiche ispirate al mondo dei videogiochi 8bit e in cui la scatola di gioco (console) conterrà materiali e regolamenti per giocare a 3 giochi differenti. In futuro usciranno “cassette”, in stile C64, con regolamenti speciali per “creare” nuovi giochi sfruttando i materiali presenti nella scatola base.

GHENOS

I ragazzi di Ghenos non si fermano mai e anche quest’anno si presentano a Modena con una serie di giochi presenti e futuri di tutto rispetto. Si parte allora con l’annuncio che Ghenos pubblicherà in Italia tutti i giochi del catalogo della Zoch (Villa Paletti etc…) passando poi per l’edizione italiana di Meeple Circus (gioco di destrezza a tema circense in cui si dovranno impilare meeple secondo un ordine dato da carte), Feudum (german di peso corredato da illustrazioni “lisergiche”), Coimbra (piazzamento dadi/lavoratori molto strategico e con un impatto visivo notevole) ed un titolo che aspettavo con ansia Flick’em Up Dead of Winter, gioco in cui ci troveremo ad abbattere zombie usando schicchere per sparare proiettili e/o lanciare mazze da baseball!

Altra notizia degna di nota è che negli USA è in lavorazione una espansione per Rock Paper Wizard! (di cui potete leggere una recensione sempre su questo sito) Qualunque nuovo incantesimo si possa avere da lanciare contro i propri amici è ben accetto!

RAVEN

Raven Distribuzione durante la sua conferenza ha mostrato cosa vuol dire non fermarsi mai ed essere sempre “sul pezzo”, pronti a pubblicare nuovi materiali.

Oltre ai titoli portati alla Play: Clank! Tesori Sommersi (espansione di Clank! classico), Feelinks (gioco creato dall’autore di Dixit ed incentrato sulle emozioni), Mystic Vale (deckbuilding in cui si “costruiscono” le carte impilandole una sull’altra), Outlive (di cui potete trovare una recensione qui), l’espansione di Dead of Winter ed il crossover tra Munchking e Gloom, Raven ci ha sommerso di informazioni sui titoli di prossima uscita.

Partiamo da una voce di corridoio: Edge of Darkness, titolo AEG dalle dinamiche simili a Mystic Vale, sarà portato in Italia da Raven (e forse gestiranno anche la distribuzione delle copie kickstarter…).

Dopo questo gossip tocca invece alle informazioni tangibili: le espansioni di Mystic Vale saranno pubblicate in scatole grandi come il gioco base, contenenti 2 espansioni alla volta.

Verrà pubblicata in italiano, dando tempo al tempo, anche l’espansione Mummy’s Curse di Clank! ed uscirà, sempre a marchio Raven, un gioco di carte a tema “Divina Commedia”.

Verrà ristampata tutta la collana de “Le Storie Nere” (enigmi gialli basati su carte e deduzione) inclusi i nuovi titoli mai editi in Italia, e a Lucca 2018 vedrà la luce, IN ESCLUSIVA PER IL MERCATO ITALIANO (al momento non è certa nemmeno una edizione americana) il volume n. 30 di LUPO SOLITARIO, pubblicato postumo con il patrocinio della famiglia di Joe Dever e della sua fondazione.

Sempre in ambito “libri game” vedranno la luce i libri della collana Choose Cthulhu, libri games che riscrivono in chiave ludica alcuni classici della narrativa di Lovecraft (“Il richiamo di Cthulhu”, “Le Montagne della Follia” etc…) e verranno stampate in forma di librogame anche le campagne “single player” di Cthulhu d100 della Chaosium (in questo caso si parla proprio di una riscrittura, in pratica prenderanno la storia della campagna gdr e la riscriveranno in forma di librogame).

Infine, per i giochi di ruolo, è degna di nota la pubblicazione di Pulp Cthulhu, un gdr abitato sì dalle creature di Lovecraft, ma con una atmosfera decisamente più pulp (come fa intuire il titolo), dove gli eroi saranno più tosti ed inclini a risolvere i problemi con pugni e armi da fuoco anziché essere tremebondi bibliotecari.

Horrible Games

Data l’ora tarda, la conferenza di Horrible Games è stata seguita da poche persone e questo ha permesso ai convenuti di provare uno dei giochi presentati, Railroad Ink. Prima di parlarvi di questo gioco però vorrei soffermarmi sull’altro titolo che Horrible Games pubblicherà entro il 2018: King’s Dilemma. King’s Dilemma è un gioco legacy semi-cooperativo in cui ogni giocatore impersonerà una gilda (di mercanti, saggi, fabbri etc…). Durante una partita (della durata media di 30 minuti) si dovrà aprire una delle 100 buste presenti nel gioco. All’interno della busta ci sarà un dilemma da dirimere che concernerà la gestione del regno in cui le gilde vivono. Ogni giocatore cercherà di convincere gli altri a seguire la risoluzione più utile per aumentare il proprio potere, giocando carte del proprio mazzo personale. Una volta risolto il dilemma, chi vince l’asta riceverà le altre carte presenti nella busta aperta e gli verrà indicato da una di esse quale sarà la prossima busta da aprire. Così facendo, busta dopo busta, ogni giocatore modificherà il suo mazzo iniziale con carte inerenti le scelte fatte e, al termine del gioco, chi avrà ottenuto più influenza all’interno del concilio del Re (oppure, nel caso in cui il Re sia morto, chi è stato più fedele o addirittura, chi è riuscito a tradirlo senza farsi scoprire), sarà il vincitore.

Questo gioco si presenta come un titolo a metà strada tra un gioco da tavolo, un party game ed un libro game, ma, come gli autori hanno tenuto a sottolineare, le tematiche trattate e alcune scelte che si potranno prendere, hanno fatto sì che il rating sia decisamente alto (vm 18 o almeno consigliato ad un pubblico maturo).

Il gioco che ci hanno fatto provare invece è molto più leggero e immediato. Di Railroad Ink al momento sono in sviluppo, e saranno distribuite da Ghenos, due edizioni: Laghi e Fiumi (scatola azzurra) e Vulcani e Meteoriti (scatola rossa). Ogni scatola permette da 1 a 6 giocatori di poter giocare e più scatole si aggiungono più il numero massimo di giocatori sale. Nella confezione si trovano 6 plance, 6 pennarelli cancellabili, 4 dadi percorso e 2 dadi speciali (inerenti alla versione che si gioca). Lo scopo del gioco è disegnare strade e ferrovie in modo da collegare nel modo migliore le 12 uscite presenti sulla propria plancia. Lanciando i dadi si avranno a disposizione 4 possibili tipi di strade/ferrovie (rettilinei, curve, trivio di strade, trivio di treni) o incroci tra le due (nella versione che abbiamo giocato non abbiamo usate alcuna espansione) da dover disegnare nel reticolato a quadretti presente sul proprio foglio. Una partita dura 7 turni, al termine dei quali si contano i punti vittoria in base al numero di caselle che compongono la strada più lunga, il binario più lungo, i network di strade/ferrovie che collegano le uscite e si perdono punti per ogni strada e ferrovia che termina “nel vuoto”. Un gioco rapido da spiegare, molto divertente e che, superato il conteggio dei punti alla prima partita, si gioca velocemente.

Unica pecca, ho perso di solo 2 punti contro uno dei creatori 🙁

CosplaYou

L’ultimo incontro della giornata ha visto come protagonista una delle case editrici più nuove del panorama ludico italiano: CosplaYou.

Venuti alla ribalta con il gioco Misantropia (illustrato da Doug) e continuando a sfornare titoli non troppo complessi ma dall’ottima presa sul pubblica “casual” (Tiè/Jewels), quest’anno CosplaYou porta a Modena il gioco Comets, titolo in cui si lancia un meteorite (pallina da ping pong) dentro alla scatola del gioco stesso (divisa in settori) in modo da far estinguere i dinosauri degli avversari e far aumentare la popolazione dei propri.

Il gioco ha un notevole colpo d’occhio, complici sia le belle illustrazioni dei dinosauri presenti su coperchio del box che l’uso molto creativo ed intelligente dell’interno della scatola che diventa parte integrante del gioco.

Oltre a Comets, CosplaYou è al momento al lavoro, sotto il nome di “AlterEgo”, ad un progetto che uscirà tra una settimana su kickstarter (venerdì 13 aprile) che si chiama “Faceless” e che, come scritto in precedenza, sarà edito da MS Edizioni.

Faceless è un gioco molto curato, con miniature molto belle e “particolari” (hanno due “facce” una malvagia e una buona) ed una atmosfera a metà strada tra Stranger Things e Stephen King. In questo gioco un gruppo di bambini scenderà nel mondo di Billy Goat (una creatura che rapisce bambini da decenni, rubandone il volto e sostituendolo con maschere animali) per cercare di trarre in salvo un amico scomparso.

La particolarità del gioco sta nel fatto che le miniature presenti sul tabellone hanno una base magnetica e, a seconda di come le si manipola sul piano di gioco, influiranno sulla direzione dell’ago magnetico della bussola che dovrà essere spostata in base a dove indica il nord. Spostare la bussola permetterà ai giocatori di raccogliere token che serviranno per sconfiggere Billy Goat, ma il fatto che le miniature possano essere girate da Billy sul lato malvagio e che lo stesso Billy possa spostarsi sulla plancia di gioco, faranno sì che programmare il movimento dell’ago magnetico sia tutt’altro che facile.

La campagna kickstarter come già detto inizierà venerdì prossimo, e CosplaYou/AlterEgo ha già pronto un cospicuo elenco di stretchgoal che non vede l’ora di dare ai propri backers. Non ci resta che aspettare 7 giorni e vedere come inizierà questa nuova avventura.

Commenti


immagine-profilo

Riccardo Riguzzi

Sono sempre stato attratto dalla creatività, che si trattasse di immagini, oggetti o mondi immaginari. Tale fascinazione mi ha portato a studiare grafica, cinema, animazione e ad appassionarmi al mondo dei giochi. Questo percorso personale mi ha sempre più convinto di come sia necessario, ai nostri giorni, ritagliarsi uno spazio ludico nella nostra vita, perché il gioco è lo strumento migliore per coltivare una mente attenta ed aperta al mondo che ci circonda.

I commenti sono chiusi.

Leggi articolo precedente:
“Dungeons & Dragons” prende vita grazie alla realtà aumentata

Qualcuno ha usato il manuale dei mostri di Dungeons & Dragons come base per un nuovo incredibile progetto di realtà...

Chiudi