Modena Nerd 2018 – Anteprima Venture

Durante il Modena Nerd, abbiamo avuto modo di provare in anteprima l’italianissimo Venture, che sbarcherà tra qualche giorno su Kickstarter

Cosa posso dire di Venture? Vediamo…

Venture è un titolo creato da un team italiano, un gioco di carte molto, molto cattivo, a tema scientifico. Onestamente il tema si sente poco, essendo il gioco abbastanza “astratto”, ma è un argomento molto interessante, e che finalmente si discosta da elfi, alieni, Cthulu etc…

Quindi, in primis, KUDOS a Venture per aver portato un po’ più di scienza nel nostro mondo ludico.

Parlando però nel concreto del gioco, cosa intendo quando dico che è un gioco “cattivo”? (Poi accenno alle regole, promesso!)

Per “cattivo” intendo che la prima partita l’ho persa brutalmente alla terza mano di gioco, con una serie di mosse e contro mosse che nemmeno in un covo di tagliagole avevo mai visto!

Gioco carta, effetto istantaneo, contro effetto, contro contro effetto, carta, carta, fine.

Più o meno così.

Ero rimasto molto confuso.

Poi ho avuto modo di farci altre 4 partite, e ho capito che non ero io a non aver capito, ma che Venture è un gioco che è stato talmente bilanciato e studiato, che i suoi autori credo possano giocarlo ubriachi, bendati e con entrambe le mani dietro la schiena, senza correre il rischio di perderne una partita!

In una partita di Venture ogni giocatore ha (in base al numero di giocatori seduti al tavolo) una quantità di carte missione, rivolte verso l’alto e visibili da tutti.

L’obiettivo del gioco è essere il primo a completare tutte le proprie missioni.

Queste carte riportano alcune delle grandi scoperte dell’umanità (Scrittura, Viaggio sulla Luna, Fissione Nucleare etc…) e per completarle serve l’oggetto corrispondente.

Ogni giocatore riceve anche un numero di carte che compone la propria mano di gioco (di nuovo dipendente dal numero di giocatori).

Ha inizio la partita.

Quando è il proprio turno si gira la prima carta del mazzo e la si mostra a tutti. Se sulla carta c’è disegnata una lampadina accesa, vuol dire che va usata immediatamente, nel bene e/o nel male (io mi sono beccato uno stop e ho saltato un turno). Se invece riporta una lampadina spenta, o è una carta oggetto, la si prende e la si aggiunge alla propria mano.

Dopodiché si possono giocare fino a 2 carte dalla propria mano e, come azione di chiusura del proprio turno, mettere in gioco un oggetto su una propria missione per concluderla ed avvicinarsi di un passo alla tanto agognata vittoria.

Tutto qua, semplice semplice.

Il “problema” o meglio dire il gioco però sta ovviamente nelle carte che compongono il mazzo. Terribili! (In senso buono).

Ruba carte, blocca i giocatori, impedisci per un turno di completare obiettivi, scambia un tuo obiettivo incompleto con uno completo dell’avversario e chi più ne ha più ne metta.

Non solo!

Probabilmente consci del fatto che oltre che a creare un gioco da tavolo, i ragazzi di Venture stavano progettando un modo per uccidere amicizie decennali, ci sono anche carte che non avvantaggiano direttamente chi le gioca (che almeno diventa un infame con uno scopo), ma che fanno decidere a chi le gioca chi avvantaggiare e chi svantaggiare (quindi si diventa infami per conto terzi!).

Ed ecco quindi carte che permettono di togliere un obiettivo completato di un avversario e darlo ad un altro avversario, oppure spostare un blocca turno da un giocatore ad un altro.

Insomma, saremo anche tutti scienziati, ma siamo anche tutti abbastanza degli infami!

 

Gioco molto molto divertente, da evitare di intavolare con gente che la prende sul serio. Ottimo test per testare la solidità delle proprie amicizie.

Anche graficamente Venture è molto interessante, con illustrazioni al tratto molto belle ed eleganti, piene di easter eggs (da messaggi nascosti a pose decisamente pop).

Insomma, Venture è un bel gioco di carte da bastardate tra amici ed è anche quel tipo di progetto per cui KS è nato e che solo tramite KS può trovare i fondi per essere pubblicato!

Quindi, se avete almeno 3 amici (almeno pre partita), segnatevi questo Venture, perché quando arriverà su KS sarà da pledgiare!

 

Commenti


immagine-profilo

Riccardo Riguzzi

Sono sempre stato attratto dalla creatività, che si trattasse di immagini, oggetti o mondi immaginari. Tale fascinazione mi ha portato a studiare grafica, cinema, animazione e ad appassionarmi al mondo dei giochi. Questo percorso personale mi ha sempre più convinto di come sia necessario, ai nostri giorni, ritagliarsi uno spazio ludico nella nostra vita, perché il gioco è lo strumento migliore per coltivare una mente attenta ed aperta al mondo che ci circonda.

I commenti sono chiusi.