[Mini Recensione] Naenia Cantor: Il nuovo gioco narrativo di Little Rocket Games

Pesca le carte, crea le tue storie e completa le missioni. Più le tue storie saranno lunghe e complesse, più punti farai e più vicino sarai alla vittoria!

Salve ragazzi, oggi recensiremo Naenia Cantor, un gioco offerto da Little Rocket Games, casa editrice indipendente di giochi di società che si occupa di idealizzazione, sviluppo, produzione e distribuzione di giochi da tavolo e giochi di carte adatti a tutte le età.

Il gioco sostanzialmente è un titolo narrativo con alcuni aspetti molto interessanti.

INFORMAZIONI SUL GIOCO

Età : 8+
Numero giocatori: 2 – 4
Tempo indicativo: 40 min.

Ma ora vediamo il contenuto della scatola:

  • 120 Carte Narrazione finemente illustrate (vuoi dire il tipo di illustrazione?)
  • 40 Carte Missione
  • 6 Pedine
  • 1 Dado
  • 1 Clessidra segnatempo
  • 1 Plancia segnapunti
  • 1 Manuale delle regole

PREPARAZIONE

Per iniziare a giocare a Naenia Cartor bisogna scegliere una pedina tra quelle disponibili posizionandola sulla casella iniziale della plancia di gioco. Mescolare il mazzo contenente le Carte Narrazione e distribuirne 6 ad ogni giocatore. Il giocatore, se lo desidera, potrà fare mulligan una sola volta. (Si definisce Mulligan il minuto che il gioco vi darà per decidere quali tra le carte della Mano Iniziale tenere e quali possibilmente sostituire. Nella fase del Mulligan potrete decidere se cambiare qualche carta, nessuna carta oppure tutte le carte). Successivamente andranno pescate 3 Carte Missione e ciascun giocatore deciderà quante tenerne ma sempre e comunque obbligatoriamente una.

TURNO DI GIOCO

Una volta sistemato per bene lo spazio di gioco si può parlare di turno di gioco. Il giocatore nel proprio turno potrà eseguire UNA delle seguenti azioni:

  • Pescare una carta Narrazione e aggiungerla nella propria mano, ogni giocatore può avere un massimo di 10 carte.
  • Pescare 3 Carte Missioni e decidere quali e quante tenere (minimo 1)
  • Narrare una storia con le carte a propria disposizione.

NARRARE UNA STORIA

Prima di narrare la storia lanciare il dado rappresentante i numeri 1, 2 e 3 per determinare il numero di clessidre che si avranno a disposizione. Le storie devo essere composte da un minimo di 4 carte ad un massimo di 10 e devono contenere almeno: una carta personaggio, una carta evento, una carta luogo e un solo epilogo.

PUNTEGGIO

Più le storie saranno strutturate più vi faranno ottenere punti, in effetti per vincere a Naenia Cantor si deve arrivare a 50 punti sulla plancia di gioco. I Punti possono essere ottenuti tramite: Il numero di carte presenti nella storia ex.(5 carte-6 punti).

Varie missioni completate nella storia stessa come ad esempio usare un determinato numero di carte personaggio ed evento.

Carte bonus che porteranno punti aggiuntivi all’interno della storia ma che non sostituiranno in alcun modo gli elementi essenziali (personaggio, evento, ecc…)

I punti però si possono anche perdere! Nel caso noi non completiamo la storia assieme ad una missione retrocederemo di tante caselle quanti sono i punti malus sulla carta stessa. Sarà l’avversario a valutare in modo onesto la vostra storia e se questa potrà essere considerata valida.

CONSIDERAZIONI

Qualche errorino di battitura sul regolamento e clessidra un pochino troppo breve (20 sec.) per impostare un minimo di storia. In conclusione posso affermare che il gioco è molto bello e scorre abbastanza fluidamente riuscendo nell’intento di creare delle nuove favole mai sentite prima, a volte tanto strane da farti sbudellare dalle risate.

E’ sicuramente divertente, le carte sono ben realizzate in stile sketch. Ringrazio ancora una volta il team di Little Rocket Games per avermi permesso di realizzare questa recensione. Alla prossima con un nuovo titolo di questa prosperosissima casa editrice!

Commenti


immagine-profilo

Passione Giochi da Tavolo

Ciao sono Angelo giocatore appassionato di giochi in scatola e fondatore della pagina Passione giochi da tavolo. L'ho creata data la mia grande passione per questo mondo fin da quando ero piccolo. Sono sempre stato attirato dall'idea di far entrare e far conoscere a quante più persone possibili il mio svago! Da quando gioco intorno al tavolo con i miei amici il pomeriggio alla sera mentre acquisto o recensisco un nuovo gioco di società. Amo un po' tutti i generi di board game ma in realtà preferisco i legacy e i card game mentre chiudo un'occhio verso gli strategici! Che dire sono un ragazzo dalle mille sfumature.

I commenti sono chiusi.

Leggi articolo precedente:
Recensione Blank: Il gioco che ci insegna a diventare autori!

Possiamo rendere una copia di un gioco da tavolo realmente unica? Con Blank sarà possibile "scrivendo" le proprie regole.

Chiudi