Libraria: la biblioteca diventa un campo di gioco!

Una dotazione essenziale per un gioco veloce e all’apparenza semplice, ma che può rivelarsi molto di più.

“Un minuto per le regole, una vita per il gioco”. Questo è il lodevole motto dell’italiana XVgames, casa editrice che si occupa di portare alla luce piccoli giochi semplicissimi da imparare, ma che nascondono una profondità non indifferente; e Libraria, gioco astratto per due giocatori di cui parleremo oggi, racchiude perfettamente questa intenzione.

L’ambientazione è solo un simpatico pretesto per arrivare subito al dunque: due bibliotecari si sfidano per prendere il controllo degli scaffali di una biblioteca, cercando di evitare i topolini che si nascondono tra i libri e che si cibano con le pagine di quest’ultimi.

Il contenuto della scatola è dato da venticinque tessere quadrate e trentasei gemme colorate, divise in due colori: verdi e rosse. All’inizio della partita i giocatori mescolano le tessere e le dispongono al centro del tavolo a formare un quadrato 5×5; poi ognuno sceglie il colore che vuole usare e prende le rispettive gemme. Finito il setup possiamo subito passare alle regole, altrettanto rapide.

Partendo dal primo giocatore, che sarà colui che per ultimo ha visitato una biblioteca, gli sfidanti si alternano posizionando una gemma alla volta, fino a che non sono finite tutte le gemme in proprio possesso. A dire il vero all’inizio della partita il primo giocatore posiziona una sola gemma, poi l’avversario ne posiziona due e successivamente, per il resto della partita, i giocatori si alternano posizionandone una alla volta. Questo semplice espediente permette al primo giocatore di essere sia il primo a posizionare una gemma che l’ultimo, cosa che lo avvantaggia all’inizio ma lo svantaggia alla fine, visto che l’ultima gemma avrà un posizionamento obbligato.

Ma come si posizionano le gemme? Ogni gemma deve essere collocata agli angoli di una tessera presente sul campo di gioco. Ovviamente, essendo quadrate, ciascuna tessera presenta quattro angoli e perciò potrà ospitare quattro gemme attorno a sé.

A fine partita, quando tutte le gemme sono state posizionate e tutti gli angoli in campo sono occupati, si passa al conteggio dei punti, che si basa sul controllo di ogni tessera. Una tessera è controllata da un giocatore se almeno tre dei suoi quattro angoli sono occupati dalle gemme del suo colore ed in tal caso prende un numero di punti pari al numero di libri rappresentati su di essa. Se poi controlla tutti e quattro gli angoli di una tessera, prende anche un punto addizionale.

Come dicevamo, dobbiamo anche stare attenti ai topi! Alcune tessere rappresentano dei piccoli topolini: se un giocatore prende il controllo di esse perderà un punto a fine partita.

Insomma, se ci sono bastate poche righe per scrivere nel dettaglio tutte le regole, possiamo assicurarvi che ad imparare a giocare basta molto meno. Tuttavia riuscire a padroneggiare il gioco richiederà molto più tempo, in quanto basterà una partita per rendersi conto che le tattiche possibili sono svariate e che una sfida tra due giocatori esperti potrebbe richiedere molto più tempo e ragionamento del previsto!

Commenti


immagine-profilo

Al4oPiù

"Al4oPiù è un canale di YouTube che nasce dalla storica passione per i giochi da tavolo condivisa da un piccolo gruppo di amici. L’intento dei nostri video è quello di aiutare ogni giocatore, neofita o meno, ad approcciarsi ad un nuovo gioco grazie a Tutorial, cioè video dettagliati sulle regole, e Gameplay, vere e proprie partite registrate dall’inizio alla fine. Il regolamento è la parte più difficile di ogni gioco, quindi fa sempre comodo un po’ di aiuto, no?"

I commenti sono chiusi.