La torre di Jenga regge o crolla?

Vediamo insieme se merita un posto fra i giochi da tavolo moderni.

Ci sono giochi che hanno superato lo stato di giochi di nicchia e sono quei giochi che trovate in molti negozi e finanche nelle tabaccherie di paesini per tutta Italia… e per tutto il mondo.

Jenga è sicuramente un esempio di questi giochi e mi chiedo, merita considerazione da parte del giocatore, del vero appassionato di giochi da tavolo?

Nella rubrica «Ma anche no» vi ho già parlato di Risiko, di «non t’arrabbiare» e oggi passiamo a questo passatempo ma piú ci penso e piú ne sono convinto, il Jenga ha un posto anche nel panorama moderno, non soltanto in base al suo nome. Ecco il perché:

Jenga è un gioco composto da 54 mattoncini di legno con cui costruite una torre, dalla quale a turno verrà estratto un mattoncino. Quando un giocatore fa cadere la torre, perde… dando la vittoria al giocatore che lo precede nel turno.

Ora le regole del gioco sono alquanto approssimative e questa condizione di vittoria lascia a desiderare, ed esistono nuovi giochi come Menara o Junk Art che sono nettamente superiori a livello di gameplay, contenendo regole piú saporite e garantendo partite piú divertenti.

Epppure Jenga si può giocare con gente che non gioca solitamente, per imbrigliarla in serate di giochi fra una chiacchiera e l’altra.

E poi Jenga si può giocare con bambini piccoli, usando i mattoncini di legno come semplici mattoncini per costruzioni, e con bambini piú grandi per una risata.

Senza dimenticare che prende poco spazio e non costa molto.

Infine il fattore principale che mi affascina: la sua semplicità lo rende un ottimo primo passo per costruirci sopra giochi piú complessi e varianti. Cercate su google «ways to play Jenga» per esempio o date un’occhiata al gioco di ruolo Dread, in cui i test di abilità sono basati proprio sulla vostra capacità di prendere un mattoncino dalla famose torre di legno.

Nel video vi parlo qualche minuto delle mie impressioni sul gioco mentre provo a non fare cadere la torre, riuscirò a non farla crollare?

Buon divertimento!

Commenti


immagine-profilo

Daniele Mazzoni

Sono Daniele, ho studiato ingegneria informatica a Roma e vivo a Zurigo dal 2011. Ho un bambino piccolo e da qualche anno sono tornato ai giochi da tavolo. Sul canale playcool.ch faccio dei brevi video in cui parlo di giochi da tavolo sperando di poter contagiare qualcuno con la mia passione, fatevi sentire e contagiate anche voi qualcuno a sedersi a tavola con voi!

I commenti sono chiusi.

Leggi articolo precedente:
[Video Tutorial] Pocket Mars: Marte diventa tascabile!

Alla volta del Pianeta rosso a bordo di…un mazzo di carte?

Chiudi