L.A.M.A. Un Gioco dove Vince Il Lama Più Furbo!

Gioco di carte nato dalla geniale mente di Knizia che per un soffio non ha vinto lo Spiel Des Jahres.
Ma sarà davvero tutto oro quello che luccica?

PANORAMICA GENERALE

Nuovo gioco di Reiner Knizia che gli è valso la candidatura  al premio dei premi: Lo Spiel Des Jahres!

Un gioco di carte per 2-6 giocatori dalla durata di 20 minuti circa.

Tanti lama, tanti colori e tante fiches!

Sarete in grado di sbarazzarvi delle carte che avete in mano? O sceglierete di tirarvi fuori perchè troppo rischioso?

 

MATERIALI:

Nella compattissima scatola troviamo:

  • 56 carte numerate da 1 a 6 più le carte lama (8 per ogni tipologia)
  • 20 Fiches nere
  • 50 Fiches bianche
  • Il regolamento

Le carte sono di buona qualità, la grafica molto divertente ( il lama è spassosissimo!) e le fiches fanno il loro lavoro.

Gioco super portatile e super facile da spiegare a chiunque.

 

SET UP:

  • Mescolate il mazzo e consegnate 6 carte a ciascun giocatore
  • Le rimanenti carte mettetele al centro del tavolo per formare il mazzo di pesca
  • Scoprite la prima carta e appoggiatela vicino, sarà il mazzo degli scarti
  • Tenete le Fiches alla portata di tutti
  • Scegliete casualmente il primo giocatore (magari chi assomiglia di più ad un lama!)

 

Siamo pronti per giocare!

REGOLAMENTO:

Lo scopo del gioco è riuscire a liberarsi di tutte le carte che si hanno in mano. Quando qualcuno ci riesce le carte non scartate daranno punti negativi.

Durante il proprio turno un giocatore può fare una di queste azioni:

  • Giocare una carta
  • Pescare una carta
  • Ritirarsi

 

Giocare una carta

Giocare una carta consiste nel scartare dalla propria mano una carta che abbia lo stesso numero o quello subito dopo alla carta in cima al mazzo degli scarti.

I numeri vanno dall’1 al 6.

Su una carta di valore 6 si può giocare o il medesimo valore oppure una carta Lama

Su un lama si può giocare o un’altro lama oppure una carta di valore 1.

Questa è la scala:

Se durante il proprio turno non si ha una carta da scartare si può pescare o ritirarsi.

 

Pescare una carta

Consiste nel pescare una carta dal mazzo di pesca per aggiungerla alla propria mano.

Se la carta pescata potesse essere scartata subito NON sarà possibile farlo!

 

Ritirarsi

Perchè mai qualcuno dovrebbe ritirarsi se le carte che restano in mano danno punti negativi?

Qui sta il nocciolo del gioco. Le cifre uguali, durante il conteggio dei punti negativi, verranno contate una sola volta. Se ad esempio mi ritiro avendo 3 carte di valore sei in mano avrò solo 6 punti negativi.

Quindi la questione sarà: pesco per provare a scartare tutte le carte, rischiando così di prendere valori diversi, oppure mi fermo e non rischio?

 

FINE DEL ROUND

Un round termina quando un giocatore finisce le carte o tutti si sono ritirati.

Si calcolano i punti negativi e si prendono le fiches per tenerne traccia.

Le carte con gli stessi valori verranno conteggiate una sola volta mentre una carta lama vi darà ben 10 punti!

Una Fiche bianca vale 1 punto, una nera 10 punti.

BONUS

Qui ci sta l’altra chicca! Quando un giocatore riesce a finire le carte che ha in mano può restituire alla riserva un qualsiasi gettone che ha accumulato nei round precedenti…sia bianco sia nero!

 

FINE DEL GIOCO

Quando un giocatore arriva a 40 punti (negativi) la partita termina e chi ha meno punti sarà dichiarato il vincitore!

 

CONSIDERAZIONI FINALI

Partiamo da un presupposto: Knizia è uno dei miei autori preferiti, Lost cities e Genial sono dei gioiellini e quindi da lui mi aspetto molto.

L’hype era anche fomentato dal fatto che il gioco fosse stato candidato per un premio così prestigioso.

A proposito Knizia il giorno della premiazione si è presentato così! Come non amarlo!

I suoi giochi in genere hanno una solida base matematica e quella marcia in più che rende innovativo il tutto.

Il gioco funziona e diverte, soprattutto se si urla LAMA quando si gioca la carta del lama…maaa c’è un ma.

Non mi ha convinto appieno, a volte il gioco corre su binari prestabiliti, il poter giocare o lo stesso numero o quello subito successivo non ti lascia molto spazio.

L’unica scelta da fare è fermarsi o pescare ma anche lì spesso è palese cosa fare.

Il target è sicuramente quello dei neofiti o come riempitivo tra un gioco e l’altro.

Mi piace il fatto che se finisci le carte puoi ridare una fiche di qualsiasi colore, anche nera, togliendosi così ben 10 punti e ribaltando la situazione!

Divertente e non impegnativo… e poi mi ricorda troppo il cartone “Le follie dell’imperatore”!

“Non scendo a patti con i contadini!”

La bellissima carta Lama

0.00
6

VOTO

6.0/10

Pros

  • Gioco facile da spiegare e da intavolare
  • Adatto ai neofiti
  • Buoni i materiali, grafica divertente
  • Ottimo rapporto qualità/prezzo

Cons

  • A volte il gioco sembra proseguire su binari già prestabiliti, rendendolo non molto profondo

Commenti


immagine-profilo

Stefano Stievano

Mi sono avvicinato a questo mondo fin da piccolo ma solo da qualche anno ho deciso di accostarmi in maniera diversa ai giochi da tavolo. Dopo aver creato qualche prototipo, inventato cene con delitto, costretto i miei amici a fare da cavie tra giochi, quiz tv e quant'altro ho deciso da un po' di tempo di unire la passione per la scrittura e quella dei giochi da tavolo. Mi piace raccontare me stesso attraverso loro, le mie esperienze, i miei amici, la mia vita e la mia quotidianità. I miei giochi preferiti sono quelli tematici o deduttivi, meglio se con un pizzico di bluff e con ruoli segreti... ma difficile scegliere una categoria.... Spero un giorno di riuscire a coinvolgere il maggior numero di persone possibile dentro al nostro folle e divertente mondo. Buon viaggio!

I commenti sono chiusi.