Alternative a non t’arrabbiare

Quali opzioni abbiamo per divertirci senza dover soffrire?

Nella mia vita di giocatore sono passato per varie fasi e da bambino ho giocato i vecchi classici. Alcuni mi hanno lasciato bei ricordi e guardando al passato li ricordo con nostalgia, il mio giudizio è a volte più clemente proprio per lasciare i bei momenti di quando ero bambino su un piedistallo.

Ma a volte proprio non ce la faccio.

Per questo ho iniziato una serie chiamata «ma anche no» dove parlo di giochi che posso tranquillamente evitare per il resto della mia vita anche quando gioco con mio figlio, perché esistono opzioni migliori a disposizione, alcune nuove, alcune antiche.

Nel primo video della serie «ma anche no» parlo di Non t’arrabbiare, il gioco di origine indiane che ha piú o meno gli anni di Nostro Signore e li sente proprio tutti.

Il gioco nasce in India ed è noto internazionalmente con il nome di Pachisi o Parcheesi o nomi simili e prevede di tirare un dado per muovere le proprie pedine e farle arrivare prima degli altri sulle posizioni finali.

Purtroppo il gioco non include quasi nessuna scelta per il giocatore.
Se dovete giocare qualcosa di simile vi consiglio però due opzioni migliori:

Backgammon, un gioco per due giocatori molto piú antico del Pachisi e che prevede di muovere le proprie pedine dall’inizio alla fine, la possibilità di catturare quelle dell’avversario e che però offre molte piú scelte dovute al doppio dado e alle molte pedine presenti sulla plancia.

Guardando invece ai titoli moderni basati su pedine mosse con il lancio di un dado, si possono scegliere giochi di corsa come Formula D che ha un tema adatto per alcuni giovani giocatori o per bambini piú piccoli titoli come Monza di Haba o Balloons della Chicco (ma solo la variante per esperti dove il bambino ha almeno una scelta ogni tanto).

Voi che ne pensate, siete appassionati di «non t’arrabbiare» o avete già trovato qualcosa con cui sostituirlo? Buona visione!

Commenti


immagine-profilo

Daniele Mazzoni

Sono Daniele, ho studiato ingegneria informatica a Roma e vivo a Zurigo dal 2011. Ho un bambino piccolo e da qualche anno sono tornato ai giochi da tavolo. Sul canale playcool.ch faccio dei brevi video in cui parlo di giochi da tavolo sperando di poter contagiare qualcuno con la mia passione, fatevi sentire e contagiate anche voi qualcuno a sedersi a tavola con voi!

I commenti sono chiusi.

Leggi articolo precedente:
Sono in arrivo due spin-off di Patchwork e le espansioni di Caverna

Due Spin-off di Patchwork e 2 espansioni di Caverna in arrivo sui nostri tavoli da gioco

Chiudi